Cinque comuni nel catanzarese chiusi per Coronavirus

Cinque comuni nel catanzarese chiusi per Coronavirus

‘Chiusura’ di Chiaravalle Centrale, Soverato, Cenadi, Torre di Ruggero, Vallefiorita (CZ). E’ questa la decisione comunicata da Jole Santelli, Presidente della Regione Calabria.

Coronavirus Catanzarese, le decisioni

Il presidente della Regione Calabria ha firmato con un’ordinanza che dispone la chiusura di cinque comuni nel catanzarese.

La decisione è arrivata dopo l’esito dei tamponi eseguiti su tutti gli ospiti e sul personale presso il centro per anziani SALUS di Chiaravalle Centrale. 

9 NUOVI CASI DI CORONAVIRUS A REGGIO CALABRIA

È da questi comuni, infatti, che proviene il personale operante presso la struttura nella quale si sono verificati 40 tamponi positivi tra gli ospiti. Ed ulteriori 10 persone da sottoporre nuovamente a valutazione e 12 positivi tra il personale, con 5 persone da rivalutare.

Una incidenza che, insieme al Dipartimento Tutela della Salute, Politiche Sanitarie abbiamo valutato come rilevante anche alla luce del fatto che potrebbe determinare un grave ampliamento dei focolai di infezione, non diversamente contenibile.

L’ordinanza

L’ordinanza prevede il divieto di:

  • allontanamento dai territori comunali da parte di tutti gli individui ivi presenti
  • riduzione drasticamente di ogni possibilità di socializzazione, limitando al massimo ogni spostamento
  • divieto di accesso nel territorio comunale
  • sospensione delle attività degli uffici pubblici, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità

Possono transitare in ingresso e in uscita dai singoli territori comunali:

  • operatori sanitari e socio-sanitari
  • personale impegnato nei controlli e nell’assistenza alle attività riguardanti l’emergenza
  • esercenti delle attività consentite sul territorio e quelle strettamente strumentali alle stesse.

Con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione individuale e fermo restando la limitazione della presenza fisica del personale per quanto strettamente indispensabile.

L’ordinanza prevede anche adeguate disposizioni per la gestione dei casi all’interno dell’RSA interessata e un supporto ai cittadini residenti nei Comuni interessati per la risoluzione delle problematiche specifiche che potrebbero verificarsi alla luce del provvedimento.