Detti Calabresi di Roccaforte del Greco

La gaddina faci l’ovu e a lu gaddu nci bruscia lu culu.
La gallina fa l’uovo e il gallo si lamenta dello sforzo.

Di Ntoni si mbivi a prezzi bboni.
Da Antonio si beve a prezzi modici.

E’ mejju nu jornu di leuni ca’ centu di pecura.
Meglio un anno da leone che cento da pecora.

Lu lupu perde lu pilu ma no lu viziu.
Il lupo perde il pelo ma non il vizio.

Quandu lu gattu non c’e’ li surici ballanu.
Quando non c’è il gatto il topo si diverte.

A lu cavaddu bbonu non ci manca sedda.
Al cavallo di razza non manca mai la sella.

Pijja lu boi’ pe li corna.
Prendi le cose per il verso giusto.

Quandu lu sceccu non voli mi mbivi avi ‘ssivoglia mi fristii.
Quando uno non ha voglia di fare qualcosa e’ inutile insistere.

Lu valenti mori a manu di lu meschinu.
L’uomo forte muore per mano del debole.

Tira chhju’ nu pilu di fimmena a la nchjanata ca centu boi a la calata.
Spinge piu un pelo di donna a salire che cento buoi a scendere.

Perdiu lu boi e va cercandu li corna.
Ha smarrito i buoi e va in cerca delle corna.

Dopu chi si rrobbaru a Santa Chiara nci ficeru li porti di ferru.
Dopo che hanno rubata Santa Chiara, gli hanno fatto le porte di ferro.

Si fai la pecura lu lupu ti mangia.
Se fai la pecora il lupo ti sbrana.

Menti lu carru davanti a li boi.
Mettere il carro davanti ai buoi.

Lavari la testa a lu sceccu e tempu perdutu.
Cercare di convincere un asino e’ tempo sprecato.

L’ospiti è cumu lu pisci dopu tri iorna feti.
L’ospite è come il pesce dopo tre giorni puzza.

La gaddina si spinna dopu morta.
La gallina va pulita dopo morta.

Nci’dissi lu surici a la nuci dammi tempu chi ti perciu.
Il topo ha detto alla noce, dammi tempo che ti rosicchio

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!