Scott Rinascita, inizia il più grande processo alla ‘ndrangheta calabrese

Scott Rinascita, inizia il più grande processo alla ‘ndrangheta calabrese

Inizia ufficialmente il più grande processo allandrangheta calabrese. Si apre questa mattina nell’aula bunker del carcere di Rebibbia a Roma il processo Scott Rinascita.

A nove mesi esatti dal blitz Scott Rinascita che portò all’arresto 330 persone, inizia l’udienza preliminare davanti al gup Claudio Paris per 452 persone.

La pubblica accusa si presenta con un vero e proprio pool guidato dallo stesso procuratore capo Nicola Gratteri. Ed è composto dai sostituti procuratori della Dda, che hanno coordinato le indagini del Ros, Annamaria Frustaci, Antonio De Bernardo e Andrea Mancuso.

OPERAZIONE RINASCITA-SCOTT: ALTRI 11 ARRESTI A VIBO VALENTIA

Saranno circa 600 gli avvocati che affolleranno l’aula.

Ai difensori degli indagati si aggiungeranno anche i legali che rappresenteranno le 224 parti offese:

  • 205 privati;
  • 15 Comuni del Vibonese molti dei quali, come il Comune di Nicotera, hanno già approvato la delibera di costituzione di parte civile;
  • Provincia di Vibo Valentia;
  • Regione Calabria,
  • Prefettura di Teramo
  • Ministero della Giustizia.

Al vertice del castello accusatorio c’è Luigi Mancuso , detto “Il Supremo”, in ottimi rapporti con i De Stefano di Reggio ed i Piromalli di Gioia Tauro ed a capo del Crimine vibonese con compiti di collegamento con la provincia di Reggio e il Crimine di Polsi, vertice assoluto della ’ndrangheta unitaria.

Nella sua rete ci sono politici, professionisti e rappresentanti infedeli delle istituzioni, in molti casi legati tra loro dal collante della massoneria deviata.