Montebello Jonico. E’ morto Carmelo Genovese a causa di un incendio

Montebello Jonico. E’ morto Carmelo Genovese a causa di un incendio

Ha perso la vita a causa dele ustioni subite nell’incendio che é divampato a Montebello Jonico nella giornata di giovedí. Nulla da fare per Carmelo Genovese. L’uomo era stato sottratto dalle fiamme divampate a Montebello Jonico. L’incendio  é stato di vastissime proporzioni sviluppatosi in contrada Molaro del Comune di Montebello Jonico. Quattro le squadre dei Vigili del Fuoco, giunti da Melito Porto Salvo e da Viale Europa, che sono state impegnate per alcune ore a spegnere le fiamme propagatosi per circa 15 ettari.

Incendio a Melito Porto Salvo nei pressi della stazione ferroviaria

Carmelo ha riportato gravi ustioni. Per salvarlo dalle fiamme sono intervenuti  ben 20 uomini e 10 automezzi.

I Vigili del Fuoco sono dovuti accorrere in soccorso dell’uomo originario di Montebello ma residente a Motta San Giovanni, rimasto ustionato all’interno del proprio uliveto, mentre era intento a spegnere alcuni focolai. Le sue condizioni sono apparase subito gravi. I pompieri hanno costruito una barella di fortuna per trasportandolo in un’area di pianura distante circa 1 km dal punto dell’incidente. Qui ad aspettarlo c’era l’elisoccorso che ha provveduto all’immediato trasporto verso il centro ustionati più vicino. Purtroppo il cinquantenne non ce l’ha fatta.

Cordoglio sindaco Motta San Giovanni

È una tragedia che colpisce l’intera comunità mottese e che, ancora una volta, ci fa capire quanto possa essere assurdo, indipendentemente se per incuria, superficialità, interesse economico oppure ossessione, il gesto di chi incendia distruggendo un territorio e la vita di quanti hanno deciso di investire, anche se solo per una questione affettiva, su un pezzo di terreno.

È quanto dichiara il sindaco di Motta San Giovanni, Giovanni Verduci, esprimendo il cordoglio dell’Amministrazione e di tutto il Consiglio comunale alla famiglia Genovese-Gattuso per la prematura perdita del congiunto Carmelo, deceduto al Cardarelli di Napoli a seguito delle ustioni riportate a causa dell’incendio che negli ultimi giorni ha interessato il territorio di Motta San Giovanni e Montebello Jonico.

È una questione soprattutto di mancata consapevolezza –  aggiunge il primo cittadino – di incapacità, ancora in molti, di comprendere che ogni singola azione compiuta a danno del territorio che ci ospita si ripercuote in maniera nefasta sull’uomo. Che si tratti di incendi, di abbandono di rifiuti, di inquinamento o sfruttamento sconsiderato del territorio – conclude Verduci –  è indispensabile promuovere, soprattutto nelle nuove generazioni, una rinnovata sensibilità verso il nostro pianeta.      

Cordoglio sindaco di Montebello Jonico

La Sindaca e l’amministrazione comunale tutta si stringe al dolore della famiglia del compianto Carmelo, una tragedia immane, egli ha lottato con tutte le sue forze per difendere la propria terra, la propria casa e i propri cari contro un nemico troppo pericoloso e imprevedibile. Resta la rabbia per eventi di natura non certo naturale che stanno mettono a rischio non solo i nostri paesaggi ma tutti noi che ci viviamo.
Che la terra ti sia lieve Carmelo.

Queste le parole pubblicare sulla pagina Facebook del sindaco di Montebello Jonico, Maria Foti.