Vibo, conclusa la VII Edizione di “Limen Arte”

Vibo, conclusa la VII Edizione di “Limen Arte”

Si è concluso, domenica 14 febbraio, con la Cerimonia di premiazione tenuta al “Valentianum”, il Premio internazionale Lìmen Arte della Camera di Commercio di Vibo Valentia.
Presente alla serata finale il Sottosegretario di Stato ai Beni e Attività Culturali e Turismo On.le Dorina Bianchi: ad accoglierla, il presidente dell’Ente Michele Lico , il Sindaco della Città Elio Costa e il Direttore Arte Contemporanea e Architettura del Ministero dei Beni e Attività Culturali Fabio De Chirico.

La serata è stata occasione per condividere gli aspetti più significativi di questa settima edizione, dal gradimento del pubblico verso la mostra alle quotidiane visite guidate per le scolaresche provenienti da ogni parte della regione, complessivamente per oltre 3000 ragazzi; alle numerose e varie iniziative collaterali- workshop, performance, laboratori- in cui sono stati particolarmente coinvolti proprio gli studenti per sensibilizzare al gusto del bello e della creatività, all’arte non solo come piacere della visione estetica, ma anche come interessante prospettiva occupazionale in settori professionali vari e moderni.
Per questo tra le sezioni della mostra è stata realizzata anche quella dedicata a Design e Architettura, animata da conferenze e serate a tema sulle nuove tendenze e sulle più espressive declinazioni dell’artigianalità. “Cultura, dinamismo sociale, opportunità artistiche e imprenditoriali, nuove energie e sinergie per uno sviluppo territoriale competitivo e innovativo: il Premio Lìmen Arte –ha detto il Presidente dell’Ente Michele Lico- anche questa volta è riuscito ad essere tutto questo, facendo dialogare sistemi diversi: istituzioni, scuola, imprese, associazionismo, per un maggiore coinvolgimento verso la tutela e la valorizzazione del patrimonio storico, artistico, culturale, paesaggistico ed ambientale che è fonte di identità e importante risorsa turistica. Per tutto questo siamo orgogliosi di questo Premio che è qualificato e qualificante per tanti aspetti, anche per la sua continuità e la considerazione che gode presso critici e artisti a livello nazionale e internazionale, facendo di Vibo Valentia un riferimento culturale di qualità”. Considerazione condivisa dal Sindaco della Città Elio Costa che ha sottolineato la valenza di Lìmen Arte nel promuovere arte e cultura, fondamenti di sviluppo e legalità, ed su queste motivazioni che l’Amministrazione Comunale ha dato collaborazione mettendo a disposizione lo “scrigno di vetro” ovvero l’Auditorium del Valentianum, assecondando l’esigenza del premio di potenziare l’offerta di iniziative correlate.
Il Direttore De Chirico ha espresso plauso per l’alta qualità di Lìmen Arte e per la lungimiranza del Presidente della Camera di Commercio che così “ha anche reso possibile la realizzazione di un Museo d’Arte Contemporanea a Vibo Valentia, che arricchisce la rete museale regionale di un altro importante presidio culturale, prestigioso e autorevole”. A conclusione della prima parte della serata, l’intervento del Sottosegretario Dorina Bianchi che si è detta “ammirata per quanto ho visto alla Camera di Commercio di Vibo Valentia. Una mostra d’arte contemporanea di grande livello, inserita nella sede istituzionale dell’Ente che, in modo stabile diventa anche Museo, arrivando così a potenziare l’offerta culturale e a qualificare in modo confortevole, oltre che funzionale, i propri uffici a vantaggio di personale e utenti circondati davvero dalla bellezza dell’arte che non può che essere elemento positivo nelle relazioni quotidiane, sotto l’aspetto formativo e di attrattività turistica, per la crescita culturale e socio-economica del territorio. Su questo bisogna puntare ed è l’azione su cui anche noi siamo impegnati per valorizzare quanto di meglio abbiamo nel nostro Paese”.
Lìmen Arte si conferma, dunque formula di successo, un viaggio nell’arte contemporanea che affascina e coinvolge, sensazioni queste palpabili che hanno reso ancora più significativa la Cerimonia di premiazione della consegna dei premi agli artisti vincitori di questa settima edizione, delle menzioni speciali e degli attestati di benemerenza agli artisti che hanno donato la loro opera al Museo d’Arte Contemporanea della Camera di Commercio che consolida il proprio patrimonio artistico offrendolo al pubblico nella migliore fruibilità.

Questi i vincitori di Limen Arte 2015 – VII edizione
PREMI
Sezione tematica “Collage”: SILVIA BELTRAMI, Prospettiva accidentale
Sezione Scenari Imagerie : PINO CHIMENTI, Sogno agnostico con micro architetture dell’anima
Sezione “Maestri di Calabria”: GIULIO TELARICO, Dialogo 1; GIUSEPPE NEGRO, Icona
Sezione “Giovani artisti italiani e stranieri”: GIANLUCA TRAINA, Portrait 360° – tell me
Premio ex-aequo: AGNESE SCULTZ , Reminescenze; MARIA JOLE SERRELI, Animas, nido di seta
Sesione “Accademie di Belle Arti ” : ANTONELLA LUDOVICA BARBA (ABA Palermo), Sweet Rocket’s Army; IOLANDA RUSSO (ABA Catania), Aspettando la notte; SALVATORE SPARTA’ (ABA Catania), Ogni periodo ha la sua croce;
Premio extra: CAMILLA CERQUA (ABA Bologna) , Senza titolo; CARLA PASSARELLI (ABA Ravenna), Giuseppe Spagnuolo detto Libero; FRANCESCO MINUTI (ABA Catanzaro), Body and Soul; STEFANO PULLANO (ABA Catanzaro), Senza visto; VALENTINA VALLORANI (ABA Macerata), Il coniglio La Pescia La Vacca
Premio App Limen Arte (opera più votata dal pubblico): HEIKE HINNEBURG opera L’altro ed il suo doppio

ATTESTATI DI BENEMERENZA- DONAZIONI
Sezione Tematica Collage: Pasquale de SensI, Breakfast; Filippo Soddu, Aggregazione
Sezione Tematica Scenari dell’Imagerie: Jacopo Fonte, Il naufragio; Marco Ginoretti, Prevaricatori
Sezione Maestri di Calabria: Ernesto Spina, Elemento; Giulio Telarico, Dialogo 1; Giuseppe Negro – Reliquiario; Lucia Rotundo, Abitare la natura; Nicola De Luca, Secrète; Diego Minuti, Ecce Homo; Francesco Lupinacci, La malinconia di Delfi n. 1; Gennaro Barci, Lo struzzo; Giovanni Marziano, Diario segreto n. 1; Lina Passalacqua, Fogliame; Mario Parentela, La Pinax; Michele Licata, Punto di rottura; Vincenzo Paonessa, Senza titolo; Vincenzo Trapasso, Bianco Sud (Pensiero per Mandela)
Sezione Maestri Contemporanei: Alfredo Celli, Superficie CK39; Andrea Biffi, Shoah; Andrea Gallo, Indovina chi viene a cena; Edoardo Pisano, Le porte dell’utopia: la porta per il bosco; Enzo Palazzo, Omaggio a Joseph Beuys; Gino Berardi, Vele dell’Adriatico; Giuliano Cotellessa, Danza Arcaica; Giulio De Mitri, Installazione ambientale; Isidoro Esposito, Contenitore di stati d’animo; Lucia Buono, Desiderio d’ali; Margherita Levo Rosemberg, Calabriae; Maria Credidio; Katharsis; Massimiliano Ferragina, Il peso dell’aria; Monica Melani, Tracce di vita: il cane; Vincenzo De Simone, Nodo/Reperto
Opere donat, realizzate durante i workshop: L.A.B. 1 di Filippo Malice con Giuseppe Guerrisi, Luigi Scopelliti, Giuseppe Lococo e Diego D’Agostino, – La Giustizia; Emanuela Bianchi e Lubì, Soglia

MENZIONI SPECIALI
Sezione Tematica Collage: Nicolò Quirico , Milano, Via Torino;
Sezione Tematica Scenari dell’Imagerie: Andrea Granchi, Il Pittore e la Musica (Caldi e Freddi);
Sezione Maestri di Calabria: Ernesto Spina, Elemento 9; Nicola De Luca, Note di dentro
Sezione Maestri Contemporanei: Edoardo Pisano, Le porte dell’utopia: la porta per il bosco; Lucia Buono, Desiderio d’ali
Sezione Accademie di Belle Arti: Gabriele Raimondo (ABA Catania), Ipot; Iolanda Vecchio (ABA Fidia Stefanaconi – VV), Addio all’ adolescenza; Ettore Marinelli (ABA Napoli, Taurus; Marco Labate (ABA Reggio Calabria), Centauromachia
Sezione Giovani Artisti Italiani e Stranieri: Luca Barberini, Cut Stories

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!