Calcio: Il Pisa passa al Granillo. Situm illude, per la Reggina è notte fonda.

Calcio: Il Pisa passa al Granillo. Situm illude, per la Reggina è notte fonda.

RegginaMentre in serie cadetta, l’ottava giornata di campionato ha visto l’Empoli – 17 punti – confermarsi al comando della classifica, con Lecce e Spal a ruota (due punti di distacco)  a fare la voce grossa, la Reggina, nell’umida notte del Granillo, privo ancora della sua tifoseria, causa Covid19, ha dovuto subire l’impresa un Pisa corsaro, che ha sfruttato a dovere l’uomo in più, dopo l’espulsione di Crisetig per doppio giallo, comminato questa volta dal Sig. Giacomelli, che durante l’arco del novanta minuti più recupero, non ha lesinato cartellini.

LE SCELTE

Toscano che ha dovuto fare a meno di Faty, Charpentier, Rolando e Lafferty, ha ridisegnato il suo undici titolare: Tra i pali, è tornato Plizzari. Dal 1′ Situm e Di Chiara, prima da titolare per Folorunsho. Conferma per Bellomo, alle spalle della coppia d’attacco Vasic – Menez che ha ripreso il suo posto dopo la squalifica. In panca Bianchi e Denis. Assenze anche per il tecnico dei neroazzurri, che ha dovuto fare a meno di Masetti Pisano e Varnier.

UN EX PER PARTE

In casa amaranto, Daniele Liotti, uno degli artefici con il Pisa Sporting Club, della vittoria di Trieste, nella finale playoff, che valse la serie B. Tra i pisani, l’estremo difensore Leonardo Loria, cresciuto nel settore giovanile amaranto, che si è accomodato in panchina.

IL SOSTEGNO DELLA SUD

Significativo il messaggio che gli Ultras della Sud hanno voluto mandare alla squadra amaranto: “Anche se la strada sembra in salita, siamo al vostro fianco perché la maglia che indossate è la nostra vita.”

LA GARA

Partita molto fisica tra le due squadre, questa la fotografia del match. Nei primi minuti di gara meglio il Pisa, che quando ha attaccato ha creato pericoli, alla porta di Plizzari. Sono stati però i padroni di casa a passare in vantaggio, con una vera e propria impennata, di Mario Situm, che al minuto 22, al primo vero affondo, ha punito gli ospiti, mettendo perentoriamente la sfera alle spalle di Perilli. Allo spirare della prima frazione, un problema muscolare ha costretto Menez all’uscita dal terreno di gioco. La serata per gli amaranto, è diventata ancora più buia, dopo aver subito l’espulsione di Crisetig, già ammonito. In inferiorità, numerica, l’undici di Toscano nonostante sia stato sempre sul pezzo a livello difensivo, senza riferimenti in avanti a protezione dell’ area di rigore, ha dovuto subire all’ 86′ ed al 92′ il secco uno due di Masucci e Sibilli. Il Pisa di D’Angelo, in pieno recupero, ha così incassato l’intera posta in palio, consolidando la tradizione, favorevole ai toscani, usciti imbattuti dal terreno di gioco.

LA CLASSIFICA SI COMPLICA

Notte fonda per la squadra dello Stretto, che ferma al palo con 7 punti, è sprofondata nelle zone basse della classifica. Plizzari e compagni, dovranno leccarsi in fretta le ferite, all’ orizzonte già si profila la difficile trasferta in Lombardia, contro l’attrezzatissimo Monza di Cristian Brocchi.

LE FORMAZIONI

Reggina: Plizzari, Loiacono, Cionek, Rossi, Situm (69′ Delprato), Folorunsho, Crisetig, Di Chiara (69′ Liotti), Bellomo (69′ Mastour), Ménez (42′ Bianchi),Vasic (51′ Denis). A disposizione: Farroni, Guarna, Gasparetto, Liotti, Peli, Stavropoulos, De Rose, Marcucci.  Allenatore: Toscano.

Pisa: Perilli, Birindelli (46′ Lisi), Benedetti, Caracciolo, Belli (66′ Siega), Gucher, De Vitis (66′ Sibilli), Mazzitelli,Vido (80′ Soddimo), Palombi (69′ Masucci), Marconi. A disposizione: Kucich, Loria, Meroni, Marin, Alberti, Giani. Allenatore: D’Angelo.

Direttore di gara: Paolo Giacomelli di Trieste