Solidarietà al giornalista Musolino da parte del segratario del PdCI

Calabria Ora licenzia Lucio Musolino >>>

A Reggio e in Calabria siamo, ormai, in piena guerra.

Il governo manderà l’esercito: si tratta di una scelta che rappresenta soltanto fumo negli occhi per tentare di placare l’indignazione dell’opinione pubblica.

A Reggio vi è, al contrario, l’impellente necessità dell’invio di nuovi collaudati magistrati, di fedeli investigatori e dell’aumento del numero di servitori dello Stato, appartenenti alla Polizia, ai Carabinieri e alla Guardia di Finanza, da utilizzare per azioni mirate di lotta contro le cosche mafiose.

Stiamo vivendo una guerra, nella quale la ‘ndrangheta – come l’ultima pesante intimidazione nei confronti del Procuratore Pignatone, al quale manifestiamo, ancora una volta, la nostra vicinanza ed incondizionata solidarietà – sta alzando pericolosamente il tiro.

Finalmente, vi è una limpida azione della Magistratura reggina che va, inequivocabilmente, nella direzione del totale contrasto, senza se e senza ma, per tentare di riaffermare, nel nostro martoriato territorio, i valori della legalità e del rispetto della legge senza alcuna reticenza o zone d’ombra.

Ebbene, al cospetto del pesantissimo clima che si respira a Reggio e in Calabria, il Presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti, avrebbe dovuto lanciare parole d’ordine, forti e chiare, improntate al sostegno incondizionato della lotta, senza quartiere, contro la ‘ndrangheta e le enormi coperture e collusioni che l’organizzazione mafiosa usufruisce.

Invece, paradossalmente, il Presidente Scopelliti, in un’intervista, pubblicata stamani, rilasciata al quotidiano Calabria Ora, si è distinto per un vergognoso e squallido attacco personale nei confronti del bravo e coraggioso giornalista dello stesso giornale, Lucio Musolino.

Siamo esterrefatti.

Il giornalista Musolino, bisogna ricordarlo, soltanto qualche mese fa, ha subito una gravissima intimidazione: una tanica di benzina, accompagnata da un biglietto contenente chiare minacce di morte, è stata depositata, nottetempo, sul davanzale della sua abitazione.

Un chiaro segnale della ‘ndrangheta, evidentemente, infastidita per l’attività che Musolino porta avanti con grande serietà e professionalità.

Oggi, incredibilmente, dobbiamo constatare che gli articoli e i reportages di Lucio Musolino danno fastidio, non solo alla ‘ndrangheta che lo ha minacciato di morte, ma anche al Presidente della Regione Scopelliti.

E’ solo una macabra e inaccettabile coincidenza?

I fatti sono chiari e, quindi, ognuno può rispondere liberamente al quesito in questione.

Certamente, a nostro avviso, tutto ciò è gravissimo e stupefacente.

L’affondo di Scopelliti, oltre ad essere un nuovo furibondo attacco alla libertà di stampa, è, contestualmente, un chiaro segnale tendente a colpire ed isolare un giornalista che, con grande coraggio, ha il solo torto di scrivere la verità, per molti scomoda, a partire dalle acclarate collusioni tra uomini politici di ogni colore e la ‘ndrangheta.

Le parole di Scopelliti rischiano di mettere  a repentaglio la sicurezza di Lucio Musolino.

In tal senso, onde evitare brutte sorprese, chiediamo alle Autorità competenti di predisporre, immediatamente, ogni iniziativa finalizzata alla tutela e alla salvaguardia dell’incolumità di Lucio Musolino, al quale, anche a nome del Partito dei Comunisti  Italiani, manifestiamo la nostra profonda solidarietà per il vile attacco subito.

IL SEGRETARIO CITTADINO DEL PdCI DI REGGIO CALABRIA

Ivan Tripodi

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!