Reggio Calabria, in manette 22 persone della cosca Serraino per attentato al pg Di Landro

Reggio Calabria, in manette 22 persone della cosca Serraino per attentato al pg Di Landro

carabinieri

Il Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria ed il R.O.S. stanno eseguendo un un’ordinanza di custodia cautelare in carcere,  emessa dal GIP del Tribunale di Reggio Calabria, nei confronti di 22 indagati di appartenenza alla ‘ndrangheta ed alla sua articolazione territoriale denominata cosca “Serraino”, per associazione di tipo mafioso, estorsione aggravata, danneggiamento e minaccia aggravata, porto e detenzione abusiva di armi, intestazione fittizia di beni e oltraggio.

Il provvedimento della DDA reggina dispone anche il sequestro di beni mobili, immobili e attività commerciali nella disponibilità della cosca per un valore di 1.500.000 Euro. Sono impegnati sulla città centinaia di carabinieri.

L’operazione dei carabinieri di Reggio Calabria e del ROS, denominata “Epilogo”, ha consentito di individuare una componente organica della cosca Serraino, operante nel quartiere San Sperato di Reggio Calabria e nel comune di Cardeto (RC), di definirne gli interessi criminali e di far luce su alcuni fatti delittuosi perpetrati sul territorio. Sono state individuate le responsabilità per il danneggiamento, perpetrato il 5 febbraio 2010, in danno del giornalista Antonino Monteleone.


Nell’operazione “Epilogo” a quattro degli indagati arrestati, appartenenti alla cosca Serraino, è stata notificata un’informazione di garanzia poiché indagati di aver organizzato ed eseguito il grave fatto delittuoso. Il tutto avviene per delega della Procura della Repubblica di Catanzaro nell’ambito del procedimento penale sull’attentato dinamitardo perpetrato il 3 gennaio scorso in danno della Procura Generale di Reggio Calabria.

Inoltre la Procura di Catanzaro ha disposto dieci decreti di perquisizione domiciliari e locali, nei confronti degli appartenenti allo stesso sodalizio, finalizzati all’assicurazione di fonti di prova per lo stesso delitto.

Applicazione di misure cautelari nei confronti di:

1.       SERRAINO Alessandro;

2.       BARBARO Antonino;

3.       CORTESE Maurizio;

4.       GIARDINIERE Fabio Antonino;

5.       GIORDANO Francesco;

6.       LAVENA Felice;

7.       NAVA Ivan Valentino;

8.       PITASI Giuseppe;

9.       PITASI Nicola;

10.   SICLARI Giovanni;

11.   SURACI Antonio Giuliano;

12.   TOMASELLO Francesco;

13.   PIRRELLO Antonino;

14.   SCOPELLITI Salvatore;

15.   ADAMO Anna Maria Teresa;

vista la richiesta depositata in data 25/8/2010, con cui il P. M. ha reiterato la richiesta di custodia cautelare in carcere già inoltrata per

1.       SERRAINO Alessandro

Applicazione della misura personale coercitiva della custodia cautelare in carcere nei confronti di:

16. SERRAINO Demetrio;

17.   ALATI Antonino;

18. CACCAMO Domenico Daniele;

19. MORABITO Giovanni;

20.   PITASI Pasquale;

21.   PITASI Sebastiano;

22.   RUSSO Domenico;

23.   RUSSO Francesco, nato a Cardeto il 12/09/1963 ivi residente contrada Mannarella detto “U MASSARU”;

24.   RUSSO Francesco, nato a Cardeto (RC) il 24/08/1973, residente a Reggio Calabria in viale Pio XI nr. 164/B;

25.   RUSSO Giuseppe;

26.   RUSSO Paolo;

27. SGRÒ Francesco.

QUI LE FOTO DEGLI ARRESTATI >>>

Francesco Iriti

Storico Direttore di www.ntacalabria.it, ed ideatore insieme a Nino Pansera della testata ntacalabria.it, é giornalista pubblicista dal 2008. Laureato in Scienze della comunicazione, ha di recente pubblicato il libro " E' un mondo difficile". Ecco il link per acquistarlo http://amzn.to/2lohl4U. Lavora come Digital Marketing Manager in Irlanda.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!