Reggio Calabria, aggredisce prostitute tentando di imporsi come protettore. Polizia arresta tunisino

Reggio Calabria, aggredisce prostitute tentando di imporsi come protettore. Polizia arresta tunisino

arresto tunisino

arresto tunisino

Nella tarda serata di sabato scorso, un equipaggio della “Squadra Volante” dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, transitando lungo il Lungomare Matteotti, all’altezza della villa comunale, è stato concitatamente fermato da tre donne.

Le stesse, tutte di nazionalità rumena, dichiaravano di essere prostitute e di essere state aggredite poco prima da un nordafricano, il quale si trovava a poca distanza e che, a dire delle donne, le aveva minacciate con un coltello, palpeggiando altresì una delle tre, nel tentativo di obbligarle a farsi corrispondere una somma di denaro perché potessero continuare ad esercitare in quel luogo l’attività di meretricio.

Gli agenti hanno recuperato l’arma indicata, un grosso machete, e hanno identificato l’individuo, conducendolo in Questura. Qui le donne hanno confermato in denuncia l’accaduto e il soggetto, identificato per Ramzi JABNOUNI, cl. 88, di nazionalità tunisina ed irregolaere sul territorio nazionale, è stato tratto in arresto in flagranza per i reati di tentata estorsione, porto abusivo di coltello di genere vietato e di violenza sessuale.

Il tunisino è stato poi associato alla casa circondariale di Reggio Calabria a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Maria Cristina Condello

Maria Cristina Condello ha conseguito la laurea Magistrale in "Informazione, Editoria e Giornalismo" presso L'Università degli Studi Roma Tre. Nel 2015 ha conseguito il Master di Secondo Livello in "Sviluppo Applicazioni Web, Mobile e Social Media". Dal 2016 è Direttore Responsabile della testata giornalistica ntacalabria.it

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!