Precisazioni del Co.Re.Svi.T. dopo la conferenza stampa del consulente SEI D’Aquaro

logo-Nta-Calabria

Questo post é stato letto 18520 volte!

logo-Nta-Calabria
logo-Nta-Calabria

A seguito della conferenza stampa che il consulente della SEI, Franco D’Aquaro, ha tenuto lo scorso 23 febbraio, il Co.Re.Svi.T. (Comitato di Responsabilità per lo Sviluppo del Territorio dell’Area Grecanica) intende precisare quanto segue :

1. Il Co.Re.Svi.T. – e per quanto ci è dato conoscere, anche le altre associazioni che si sono schierate a favore della Centrale di Saline Joniche – è sorto spontaneamente con l’obiettivo di promuovere, valutare, monitorare ed eventualmente sostenere responsabilmente i progetti e le azioni funzionali allo sviluppo socio-economico e culturale dell’Area Grecanica. Il Comitato che mi onoro di presiedere, non è pertanto sorto per sostenere il progetto della centrale – come sembrerebbe emergere dalle parole del D’Aquaro nella richiamata conferenza stampa – che non identifica né esaurisce lo scopo e le altre numerose attività del Comitato;

2. Del resto, il Co.Re.Svi.T. non si è mai dichiarato acriticamente ed aprioristicamente favorevole alla Centrale, avendo più volte sostenuto – come peraltro documentabile dagli articoli di stampa – che il progetto meritasse un sereno approfondimento poiché potrebbe rappresentare l’unica seria opportunità di sviluppo per un territorio in agonia;

3. La considerazione, più volte espressa con convinzione dal sottoscritto, che la ‘ndrangheta sia contro la Centrale è stata – a nostro avviso – ancora una volta confermata dagli eventi e suffragata da più riscontri investigativi. A tal proposito, a differenza di quanto emerso dalle parole del consulente SEI, l’ormai ex Sindaco di Melito, Gesualdo Costantino, da oltre cinque anni (e, cioè, da quando era vicepresidente della giunta Provinciale, carica peraltro ricoperta non per esservi stato eletto bensì per nomina politica territoriale) si è sempre espresso in maniera chiara contro l’insediamento della Centrale a carbone. La circostanza che tale presa di posizione non fosse stata riportata nel programma elettorale di Costantino del 2012 è dipesa – più probabilmente – da meri fattori di equilibri politici interni alla coalizione che lo ha sostenuto, in cui erano presenti candidati che in più occasioni si erano invece espressi favorevolmente alla Centrale o avevano, comunque, manifestato segnali di apertura.

Analogamente, un altro Sindaco di un’amministrazione recentemente sciolta per infiltrazioni mafiose si era sempre espresso contro il Progetto della SEI e tuttora continua a farlo con grande veemenza.
Pertanto, l’unica riflessione che accomuna il nostro pensiero con alcuni passaggi di D’Aquaro è quella secondo cui se la ‘ndrangheta fosse effettivamente favorevole all’insediamento della Centrale, è dimostrato che non riesce a controllare neanche i propri eminenti presunti associati, né altri soggetti che in gran numero si battono nel quotidiano contro tale insediamento. E siccome noi del Co.Re.Svi.T. siamo fermamente convinti che il potere intimidatorio della criminalità organizzata calabrese sia tale da non consentire il mantenimento di prese di posizione in contrasto con i propri interessi, viene spontaneo pensare – e ancora una volta ribadire – che LA ‘NDRANGHETA È ED È SEMPRE STATA CONTRO LA CENTRALE.

Del resto, un insediamento produttivo come quello di Saline Joniche rappresenterebbe per la ‘ndrangheta un grave pericolo per la sua stessa sopravvivenza in ragione del benessere che potrà distribuire sul territorio con conseguente e scontata riduzione dell’esercito di manovali che, in una situazione degradata come quella attuale, non intravvede altra alternativa che non quella di ingrossare le fila dei criminali assoggettandosi al potere mafioso poco, per libera scelta, ma
molto per esservi costretti dalla disperazione economica in cui versa un intero territorio ormai agonizzante e senza futuro .

Altra cosa è l’interesse che la criminalità organizzata può nutrire su questa ed altre iniziative imprenditoriali, ma su questo punto noi del Co.Re.Svi.T. terremo gli occhi bene aperti e non esiteremo a denunciare – come sempre abbiamo fatto – eventuali tentativi di infiltrazione così come oggi denunciamo con forza il maldestro tentativo di strumentalizzare le Istituzioni e l’Autorità Giudiziaria con il solo scopo di confondere e disorientare il cittadino.

Co.Re.Svi.T.
Il Presidente
Avv. Giancarlo LIBERATI

Questo post é stato letto 18520 volte!

Author: Cristina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *