Jaan Roose Riscrive lo Slackline: Attraversa lo Stretto di Messina

stretto di messina impresa

Questo post é stato letto 3510 volte!

“Mi sento ‘jaantastic’, sono super contento, un po’ stanco e provato… ma ragazzi, ho fatto la storia, ho camminato per 3,6 km sullo Stretto di Messina! È stata una lunga camminata, piena di sorprese dall’inizio alla fine, ho avuto qualche difficoltà, ma il tempo è stato buono, mi aspettavo più vento”.

Sono queste le parole di Jaan Roose dopo l’impresa compiuta sullo Stretto di Messina. I 32enne estone ha percorso i 3600 metri in programma in 2h56’32” realizzando un’impresa senza precedenti camminando nel vuoto, a 260 metri di altezza, su una corda di meno di 2 centimetri.

Con la sua straordinaria impresa, Jaan Roose si conferma il punto di riferimento mondiale nello slacklining, capace come nessuno di “spingere oltre” i limiti di ciò che è possibile nello sport. La sua passione, il suo impegno e il suo talento sono fonte d’ispirazione per gli appassionati in tutto il mondo.

Dopo lunghi giorni di attesa e studio fra Santa Trada (Villa San Giovanni) e Torre Faro (Messina), il fuoriclasse baltico ha completato la Red Bull Messina Crossing, superando il limite che separa il cielo dal mare. Rimasto in bilico a 230 metri sul Mediterraneo per 2 ore, 56 minuti e 32 secondi, Roose ha affrontato l’impresa con una facilità sorprendente, grazie all’uso di scarpe che gli hanno garantito una maggiore aderenza sulla fune. Questo si è rivelato fondamentale vista l’elevata umidità (circa 88%) e il caldo estivo del Sud Italia. La concentrazione, affinata da una vita trascorsa con almeno qualche centimetro di distanza dalla terra ferma, è stata l’arma vincente per cancellare il record del mondo di 2,7 chilometri realizzato fra le cime del Mont Doré in Francia e raggiungere il pilone siculo, compiendo un’impresa senza precedenti.

Nonostante i 32 gradi presenti sullo stretto, Roose ha sfruttato le condizioni ideali, superando le insidie legate a un vento di circa quattro nodi e salendo di diritto nell’Olimpo degli sport estremi. Anche una caduta a pochi passi dall’arrivo non lo ha fermato; ha ripreso la traversata nonostante qualche problema con la fettuccia, completandola con successo.

Questo post é stato letto 3510 volte!

Author: Francesco Iriti

Storico Direttore di www.ntacalabria.it, ed ideatore insieme a Nino Pansera della testata ntacalabria.it, é giornalista pubblicista dal 2008. Laureato in Scienze della comunicazione, ha di recente pubblicato il libro " E' un mondo difficile". Ecco il link per acquistarlo http://amzn.to/2lohl4U. Lavora come Digital Marketing Manager in Irlanda.