Il Sindaco di Riace Trifoli bersaglio della minoranza

Il Sindaco di Riace Trifoli bersaglio della minoranza

Ancora polemiche mosse al sindaco di Riace, Antonio Trifoli, successore di Domenico Lucano, conosciuto per il modello d’accoglienza dei migranti adottato dal centro del Reggino.

Il primo cittadino contrattacca rispetto a quanto sostenuto dalla minoranza consiliare. Quest’ultima accusa Trifoli di essersi aumentato l’indennità assieme agli assessori della giunta. 

Leggi la notizia: RIACE (RC), LA MINORANZA ATTACCA TRIFOLI

Risposta alle polemiche

Così il sindaco di Riace, Antonino Trifoli, risponde alle polemiche suscitate dalla delibera dello scorso 11 marzo. In tale delibera, la sua giunta aveva proceduto ad un adeguamento delle indennità di primo cittadino e assessori.

La delibera – dichiara il sindaco – è chiara. Si tratta dell’applicazione di un articolo della legge finanziaria. Il costo maggiore è a totale carico dello Stato. Lo spirito è stato di riconoscere il duro lavoro dei sindaci e degli assessori dei piccoli Comuni. L’aumento si poteva applicare in automatico. La delibera non era obbligatoria, ma lo abbiamo fatto per maggiore trasparenza.

L’aumento della mia indennità è stato destinato, per questo mese, all’acquisto aggiuntivo di derrate alimentari anche a beneficio dei tanti immigrati che sono stati abbandonati dalle associazioni di accoglienza una volta finiti i soldi statali e lasciati al loro destino.

Appare paradossale che sia interessato alla situazione del dissesto economico Maurizio Cimino. Per anni è stato vice sindaco con delega al Bilancio.

RIACE (RC), IL SINDACO TRIFOLI IN MERITO ALLE CALUNNIE DIFFUSE SUI GIORNALI

Impegno Giunta

Il primo cittadino di Riace, inoltre, sottolinea l’impegno della sua Giunta nell’emergenza coronavirus:

L’assessore Teresa Gervasi, in particolare – dice – da volontario della Croce Rossa Italiana si spende ogni giorno per far fronte alle necessità dei cittadini. Non abbiamo mai visto Cimino e Diciommo muovere un dito in tutta l’emergenza Coronavirus.

Carmine Verduci

Nato a Brancaleone nel 1984, ha frequentato l'istituto d'arte di Locri. Artista e scrittore, ama la musica, la natura, la fotografia, la storia delle leggende Calabresi e dell'archeologia. Si occupa di divulgazione e promozione culturale dell'area grecanica e locridea, attraverso l'organizzazione di eventi culturali nella propria città e sul territorio.