A funtana du pajisi di Michele Germanò. Poesia dialettale calabrese

poeti

Questo post é stato letto 11830 volte!

‘Nu jorn’i stati, mentri passijava,

mi vinni ‘i ‘mbuccu a strata d’a Ranghìa,

ed ogni passu arretu mi portava

e ‘nu ricordu a’ ‘mmenti mi venìa.

Li petri eranu tutti ‘nvirdicati:

a ‘nsilicata di la vecchja via.

Quanti mammi dassaru li pedati

e quanti ca’ langella li seguìa!

Sbattìa li ferra a trotta lu sumeri

cu’ li barillhi ‘i supra carricatu.

Volìa m’i ‘rriva prest’a lu biveri

m’i ‘mbivi tantu e m’esti sazzijatu.

Scrusci sulagna e sembra currivata,

a la surgenti, l’acqua d’a Ranghìa;

funtana dill’antichi tant’amata,

parìa ca ciangi comu la vidìa.

La petra aundi cadi è cunzumata,

posava llhà a langella cu’ linchjìa;

pari ‘na mamma, ora ‘bbandunata

di li figghjoli randi chi criscìa.

Sutt’a ‘nu tettu fattu di lamèri,

all’umbra di ‘na cerza seculari,

risisti ancora ‘ntattu lu biveri

cu’ li ricordi di li cosi cari.

 

Tratto dall’antologia “Vuci Senza Tempu”,

Unione Poeti Dialettali Calabresi

Unione poeti dialettali

Questo post é stato letto 11830 volte!

Author: Redazione_Cultura