Crotone, estorsione e racket uva e castagne: diciannove arresti

Crotone, estorsione e racket uva e castagne: diciannove arresti

I Carabinieri del Comando provinciale di Crotone hanno eseguito stamane diciannove provvedimenti di fermo, emessi dalla Dda di Catanzaro a Petilia Policastro e in altri centri della provincia nei confronti di presunti capi e gregari delle cosche della ‘ndrangheta della zona.

I NOMI

Leggi qui notizia

LE ACCUSE

Le accuse nei confronti degli indagati sono associazione a delinquere di stampo mafioso, spaccio di droga, violazione in materia d’armi, estorsioni ad imprenditori e commercianti.

I FATTI

Gli investigatori hanno scoperto una serie di estorsioni ad imprenditori edili, agricoli e turistico alberghieri.

Gli indagati, che disponevano anche di numerose armi, attraverso minacce, intimidazioni e violenze erano riusciti anche ad imporre il monopolio nelle costruzioni, anche in ambito privato, nonché un vero e proprio racket delle castagne e dell’uva, di cui le cosche decidevano i prezzi all’ingrosso ed al dettaglio, con guadagni di centinaia di migliaia di euro, imponendo anche la manodopera.

A chi non si adeguava al racket venivano bruciati i camion e tagliati gli alberi e le viti.

Scoperta anche una rete di favoreggiatori di latitanti e disarticolata un’articolata attività di spaccio di stupefacenti.

La cocaina veniva venduta al dettaglio a giovani della provincia di Crotone.

Dalle indagini è stata ricostruita l’evoluzione criminale di Vincenzo Manfreda, il presunto boss di Petilia Policastro ucciso in un agguato il 24 marzo 2012.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!