Starace conferma il programma fibra e lancia gara per riconversione sito Rossano

Starace conferma il programma fibra e lancia gara per riconversione sito Rossano

“Metteremo la fibra in tutte le aree”. Così Francesco Starace,amministratore delegato dell’Enel, ha risposto ai cronisti che gli chiedevano se la società elettrica fosse ancora interessata a posare la fibra ottica: Starace, che nel programma della fibra vuole anche la collaborazione di Telecom, ha poi aggiunto: “A partire da metà marzo l’Enel lancerà le gare per la riconversione di altre tre centrali nell’ambito del grande piano che coinvolge 23 stabilimenti non più produttivi. Le tre centrali coinvolte – ha spiegato Starace – sono Porto Tolle, Montalto di Castro e Rossano Calabro, che sarà il primo progetto a partire di questo pacchetto di tre centrali”.

“Le dichiarazioni di Starace – afferma Giuseppe Antoniotti – sono eloquenti e significative del programma industriale che intende perseguire Enel per il prossimo futuro. La società elettrica, in realtà, continua a marciare verso quelle ”premesse” che avvalorano la nostra idea di progetto di Polo tecnologico. Ovviamente servirà persuadere più forze sociali e produttive a convergere sulla proposta, che si presta bene ad essere realizzata qui, sul territorio di Rossano, dove esiste già un insediamento industriale da bonificare e adeguare alle esigenze di questa nuova realtà. Ecco perché siamo a lavoro per proporre l’idea, con l’auspicio che venga condivisa, anche dalle holding delle telecomunicazioni nazionali”.

“Sono convinto – chiosa Antoniotti – che l’idea progettuale sia più che valida e attuale. Siamo di fronte ad un programma che mira a creare in Calabria sviluppo e ricerca, nel totale rispetto dell’ambiente. Sicuramente – conclude –, compatibilmente al progetto di fusione delle due città dell’Area urbana Corigliano-Rossano, promuoveremo anche quel porticciolo turistico che qualcuno, all’interno del Governo Scopelliti, non ebbe la capacità di far finanziare. Del resto abbiamo 14 km di costa per realizzarlo e, soprattutto, per far sì che sorga a distanze compatibili da realtà portuali già esistenti, come quella di Schiavonea”.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!