Castrovillari, traslazione spoglie mortali di suor Semplice

manifesto traslazione

Questo post é stato letto 24130 volte!

Mancano pochi giorni ancora all’evento atteso per anni da figli spirituali e devoti di suor Semplice, monaca di casa castrovillarese morta in concetto di santità il 23 Marzo 1953, al secolo Maria Domenica Berardi: la traslazione delle sue spoglie mortali.  Avrà inizio alle ore 16.30, giorno 16 Aprile, il Corteo che accompagnerà la salma della serva di Dio dal Cimitero fino alla chiesa parrocchiale di san Francesco di Paola. Seguirà alle ore 18.30 una Solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta da Sua Eccellenza Mons. Francesco Savino, Vescovo Diocesano. Infine, la benedizione del sepolcro e la tumulazione.

Fatta la ricognizione dei resti mortali, la traslazione si pone quale momento di particolare importanza nell’iter della Causa di Beatificazione e Canonizzazione della Serva di Dio di cui l’Associazione di Volontariato “Suor Semplice Maria Berardi”, presieduta da Antonio Buffone, si è costituita attore.  Come previsto dalla Sanctorum Mater, la traslazione delle spoglie mortali di un servo di Dio può avvenire -e spesso avviene-  per rendere, appunto, le spoglie “più accessibili alla devozione del popolo di Dio”.

La nuova tomba di suor Semplice sarà collocata nello spazio sottostante il quadro che raffigura santa Chiara d’Assisi, fondatrice dell’Ordine delle Monache Clarisse di cui suor Semplice indossò l’abito. Quanti lo vorranno potranno ora più facilmente pregare dinanzi alla Sua tomba. Il conto alla rovescia è iniziato. La macchina organizzativa è all’opera.
In occasione della traslazione si prevede, altresì, la distribuzione di un libretto fresco di stampa per le edizioni Elledici-Velar, nella fattispecie una biografia divulgativa, inserita nella collana “Messaggeri d’Amore”,  scritta da don Massimo Romano, postulatore della Causa di Beatificazione e Canonizzazione della serva di Dio e dalla dott.ssa Rosanna D’Agostino, antropologa culturale, studiosa della mistica calabrese.

Questo post é stato letto 24130 volte!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *