“Porcellum” bocciato dalla Consulta, dichiarazione di Mario Oliverio

“Porcellum” bocciato dalla Consulta, dichiarazione di Mario Oliverio

oliverio-mario

oliverio-mario

“Il chiaro ed inequivocabile pronunciamento della Consulta che boccia e seppellisce definitivamente una legge elettorale “vergogna”, che tanti danni ha prodotto alla democrazia italiana ed allo stesso ruolo ed alla autorevolezza del Parlamento, costituisce un atto salutare da valutare positivamente ma, allo stesso tempo, evidenzia con grande autorevolezza, data la fonte, il distacco e la lontananza enorme tra questo Parlamento e quello che lo ha preceduto con la forte domanda di cambiamento che proviene dalla società e dal Paese.

Il pronunciamento della Consulta conferma, inoltre, la convinzione di quanti, come noi, si sono spesi per sollecitare il Parlamento a mettersi in sintonia con il Paese, anche per evitare degenerazioni populistiche e fenomeni protestatari disancorati da un progetto positivo di governo per il necessario cambiamento.

In questi anni si è rimasti sordi ai milioni di firme raccolti dai comitati referendari per abrogare il “ porcellum” ed agli altrettanti innumerevoli consensi raccolti su petizioni popolari per sollecitare il Parlamento a procedere ad una radicale modifica della legge elettorale per consentire ai cittadini di scegliere i propri rappresentanti in Parlamento, senza deleghe al buio alle segreterie nazionali dei partiti e per correggere una legge che, come abbiamo visto anche nel corso delle recenti elezioni politiche, contribuisce a determinare una condizione di ingovernabilità e soluzioni di governo pasticciate che finiscono con l’ingessare il Paese, la sua economia e le sue prospettive con grave compromissione per il futuro di tutti.

Ora bisogna che il Parlamento legiferi con immediatezza per dotare il nostro Paese di una legge elettorale chiara e per ridare, nel pieno rispetto della Costituzione, sovranità al popolo, che deve avere diritto a scegliere direttamente e nominativamente i propri rappresentanti  in Parlamento, il partito, la maggioranza e la proposta di governo che ritiene di dover sostenere attraverso il suo voto.

La ricostruzione del nostro Paese deve ripartire da qui”.

Maria Cristina Condello

Maria Cristina Condello ha conseguito la laurea Magistrale in "Informazione, Editoria e Giornalismo" presso L'Università degli Studi Roma Tre. Nel 2015 ha conseguito il Master di Secondo Livello in "Sviluppo Applicazioni Web, Mobile e Social Media". Dal 2016 è Direttore Responsabile della testata giornalistica ntacalabria.it

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!