“La fine dei tempi” di Cosimo Francesco Crea, recensione del libro

“La fine dei tempi” di Cosimo Francesco Crea, recensione del libro

Cosimo Francesco Crea, “La fine dei tempi”, Albatros – Il Filo, pp. 159.

“[…]. Omero: ”La magia? Perché, la magia esiste?”. Il vecchio: “La magia è nel mondo”. Omero: “Cosa?” Il vecchio: “Quelle acque emanano magia, ogni cosa su questo mondo emana magia; una volta che tu conosci la magia, conosci ogni cosa di questo mondo” […].”.

Il significato ultimo de “La fine dei tempi” potrebbe essere riassunto in questo semplice e breve dialogo in cui la figura archetipica del vecchio coincide con la pura saggezza popolare. L’opera prima di Cosimo Francesco Crea è intrisa di magia; una magia particolare che percorre ogni cosa e ogni azione. L’ambiente rarefatto e immaginifico, lo studio meticoloso dei personaggi, la fantasia nel raccontarli e nel narrarli inducono il lettore ad una inevitabile immedesimazione. “La fine dei tempi” ci fa sognare di essere angeli, di essere demoni, di essere deboli e di essere forti; racconta la lotta che sin dall’inizio dei tempi ha contraddistinto il mondo: la lotta fra bene e male e, ancor di più, fra male e male. Una lotta totale e totalizzante, piena delle sue infamie e delle sue nefandezze, una lotta perpetua in cui anche gli uomini e le proprie personalità non rimangono esclusi.

Il romanzo di fantascienza, con un contenuto eccezionale di idee e pensieri, potrebbe essere rappresentato ampiamente anche come un’opera teatrale in quanto il testo è dialogato: la vicenda è narrata attraverso gli scambi di battute tra i diversi personaggi. Il protagonista ha un compito importante e difficile: redigere un libro che salvi l’umanità così che gli errori commessi in passato non vengano più ripetuti. Gli viene assegnata una guida d’eccezione: l’arcangelo Gabriele, il messo di Dio, che risveglierà in lui delle consapevolezze sopite e scomode da trascrivere nel libro.

Probabilmente, il protagonista del romanzo, l’io narrante corrisponde al talentuoso autore di Fossato Ionico, Cosimo Francesco Crea che, nelle pagine conclusive, pone a Gabriele delle domande di rara intensità: “ […]. Io: “Questa è la fine?”. Gabriele: “No, questo è solo un nuovo inizio, ora l’uomo tornerà a essere libero, ma stavolta partendo dal peggio non potrà fare altro che migliorare […].”. “La fine dei tempi” è, in conclusione, solo un nuovo inizio. L’inizio di una brillante carriera per questo giovane scrittore calabrese.

 

 

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!