Coronavirus in Calabria 21 Ottobre, salgono i contagi

Coronavirus in Calabria 21 Ottobre, salgono i contagi

136 i nuovi casi positivi al Coronavirus In Calabria.

Ad oggi sono stati sottoposti a test 243.043 soggetti per un totale di tamponi eseguiti 245.158 (allo stesso soggetto possono essere effettuati più test).

Le persone risultate positive al Coronavirus sono 3099 , quelle negative 239.944.

Casi per Provincia

Territorialmente, dall’inizio dell’epidemia, i casi positivi sono così distribuiti:

  • Catanzaro: CASI ATTIVI 152 (21 in reparto; 3 in terapia intensiva; 128 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 312 (278 guariti, 34 deceduti)
  • Cosenza: CASI ATTIVI 333 (26 in reparto; 2 in terapia intensiva, 305 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 586 (549 guariti, 37 deceduti)
  • Reggio Calabria: CASI ATTIVI 623 (31 in reparto; 1 in terapia intensiva; 591 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 437 (416 guariti, 21 deceduti)
  • Crotone: CASI ATTIVI 26 (26 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 148 (142 guariti, 6 deceduti)
  • Vibo Valentia: CASI ATTIVI 24 (3 ricoverati, 21 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 119 (113 guariti, 6 deceduti)
  • Altra Regione o stato Estero: CASI ATTIVI 222 (222 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 117 (116 guariti, 1 deceduto). È compresa anche la persona deceduta al reparto di rianimazione di Cosenza che era residente fuori regione.

I ricoveri

I ricoverati del setting Fuori Regione e dei migranti sono stati inseriti nelle colonne dei rispettivi reparti di degenza; tra i 21 ricoveri presso l’Ospedale di Catanzaro, 5 sono riferiti a persone non residenti.

Tra i ricoverati presso l’Azienda ospedaliera di Cosenza tre sono non residenti; la paziente dimessa a Cosenza è stata inserita tra i guariti del setting fuori regione.

I casi confermati oggi sono così suddivisi:

  • Cosenza: 49
  • Catanzaro 25
  • Crotone 7
  • Vibo Valentia 5
  • Reggio Calabria 50.

Dall’ultima rilevazione, 821 sono le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria pe comunicare la loro presenza su territorio regionale.