Morte dipendenti Ased, 9 mesi senza stipendio

Morte dipendenti Ased, 9 mesi senza stipendio

Morte Dipendenti Ased, un manifesto ha decretato la morte presunta di tutti i dipendenti Ased e delle rispettive famiglie.

Morte Dipendenti Ased

“Dopo una lunga ed estenuante agonia, si dichiara la morte presunta di tutti i dipendenti Ased e delle rispettive famiglie”. Inizia in questo modo il manifesto che é stato affisso in tutti i comuni dove la societá di rifiuti presta il proprio servizio. Nonostante le proteste ad ultranza dei vari dipendenti, e dei rispettivi sindacati, non sono arrivati segnali positivi. I commissari chiamati a gestire l’azienda non inviano nessun segnale positivo nel frattempo. E la situazione dei tanti lavoratori continua solo a peggiorare. 

Nel manifesto inoltre, viene aggiunto che “ne danno il triste annuncio gli amministratori Ased, unitamente agli enti morosi. E ancora la Regione Calabria. E tutte le Istituzioni non intervenute alla salvaguardia dei loro diritti”. Parole che non ammettono repliche e che fanno comprendere come non sembra ci siano vie d’uscita. Ingenti le somme che i vari comuni morosi devono versare nelle casse dell’azienda. A tutto discapito dei lavoratori.

Una morte lente e dolorosa

Il manifesto é un chiaro segnale della morte dipendenti Ased. Loro non sanno piú cosa fare per vedersi corrisposti le tante mensilitá di lavoro. Ben nove i mesi di stipendio che ancora non hanno ricevuto. Come se avessero prestato il loro servizio gratuitamente. Molte le famiglie ormai a lastrico, soprattutto quelle monoreddito. Il manifesto continua con “Non si accettano fiori. Ma SOLO le retribuzioni spettanti che ribadiamo ammontano a circa 9 mensilitá”.

E innutile negare che cresce sempre di piú il disagio delle tante persone che sono dipendenti della societá Ased. Nel frattempo intorno a loro rimane soltanto il silenzio. Soprattutto da parte delle istituzioni. 

Alcune domande sorgono spontanee a riguardo. Questi padri di famiglia come devono andare avanti? Come devono dare da mangiare ai propri figli?

Francesco Iriti

Storico Direttore di www.ntacalabria.it, ed ideatore insieme a Nino Pansera della testata ntacalabria.it, é giornalista pubblicista dal 2008. Laureato in Scienze della comunicazione, ha di recente pubblicato il libro " E' un mondo difficile". Ecco il link per acquistarlo http://amzn.to/2lohl4U. Lavora come Digital Marketing Manager in Irlanda.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!