Halloween, Don Giovanni: “No grazie, sono Cristiano”

Halloween, Don Giovanni: “No grazie, sono Cristiano”

La festa di Halloween è ormai alle porte. In questo periodo i negozi, i supermercati  e le vetrine sono addobbati  con zucche e pipistrelli e maschere di diavoli. Ci  sono bambini che si travestono e vanno  di casa in casa a  dire la parola “magica”: “Dolcetto o scherzetto?”.

don giovanniLa festa di Halloween è tipica dei paesi anglosassoni e da circa 10 anni è diventata di moda (soprattutto dal punto di vista commerciale) anche in Italia. Tantissime persone o famiglie (che tristezza!) aderiscono a questa “moda” travestendo i propri figli da pipistrelli o fantasmi.

Navigando sul web è facile trovare articoli, video, messaggi, che propongono gesti alternativi che richiamano alla fede Cattolica e che ricordano di celebrare il  1° novembre come solennità di “Tutti i Santi”.

“Ogni famiglia deve sapere -sottolinea il parroco don Giovanni Zampaglione- che la festa di Halloween è l’adorazione a Satana e il suo scopo è quello di offuscare la solennità di tutti i  Santi e di scompaginare i piani di Dio”.

“Come comunità di Roghudi -prosegue il parroco- ci ritroveremo stasera, sabato 29 ottobre alle 20:30 per un momento comunitario di preghiera e di fede per dire il nostro: No ad Halloween: siamo cristiani.

Nell’attesa di questo giorno vi invito a postare sulle vostre bacheche di (Fb, Instagram, WhatsApp e altro…) la foto del vostro santo protettore. Chi non potesse venire a tale incontro può partecipare da casa accendendo una candela (magari la si può porre dinanzi alla finestra con accanto l’immaginetta del proprio santo) e recitare una preghiera”.

“Mi permetto – conclude il parroco- di dire a tutti uno slogan: “Usiamo la testa e non… la zucca”.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!