Bova Marina (Rc), incontro del centrosinistra

Bova Marina (Rc), incontro del centrosinistra

Incontro Centrosinistra

Incontro Centrosinistra

Ecco le altre foto >>>

di Nino Saladino

C’era la platea delle grandi occasioni presso l’istituto ellenofono di Bova Marina. C’erano molte personalità politiche locali e soprattutto c’erano i rappresentanti del centrosinistra alla regione Calabria.

All’incontro di ieri, promosso dall’Associazione degli imprenditori turistici del Basso Ionio reggino “ Magna Grecia” erano presenti tutti gli invitati ad eccezione di Giuseppe Bova, impegnato alla formazione delle liste, e del presidente della regione Agazio Loiero al lavoro con il sottosegretario Bertolaso nelle zone della frana di Maierato.

Sono intervenuti parte dei massimi rappresentanti del governo regionale.

Ha moderato i lavori Massimo Nucera, segretario dell’associazione.

Il presidente della “Magna Grecia” Guglielmo Branca ha ricordato le dure lotte  degli imprenditori per salvare la scorsa estate dopo i danni provocati dalle mareggiate e dalle numerose illazioni negative perpetrate ad arte nei confronti di un territorio devastato nei lungomari ma in grado comunque di ospitare al meglio i vacanzieri.

A proposito dei danni, il sindaco Giovanni Squillaci, ha invitato ancora una volta il presidente Loiero ad essere presente sul territorio per constatare di persona le devastazioni dell’ultima mareggiata che ha portato via l’ultimo tratto di via marina distruggendo inesorabilmente anche il collettore fognario. <<Percepiamo un certo abbandono – ha lamentato – attendiamo ancora le risorse per riparare ai danni del 2008>>.

Per il consigliere provinciale Bernardo Russo poco si è fatto nell’ultimo ventennio <<c’è una politica che tesse ed un’altra che distrugge>>. Contrario al ponte ed alla centrale al carbone, secondo Russo bisogna investire sul territorio attraverso una politica mirata al miglioramento delle strutture ricettive e delle vie di comunicazione.

Non si può prescindere dalle risorse per l’assessore regionale Demetrio Naccari <<la grande distanza tra i territori del paese non può essere recuperata se le procedure d’investimento rimangono bloccate>>. Naccari si riferisce ai fondi Fas che, secondo i dati del CNEL, per il sud sono stati inspiegabilmente tagliati dal governo centrale. Ci sono interventi eseguiti dalle amministrazioni pubbliche che ancora aspettano di essere remunerati. Interventi che non saranno mai risolutivi <<se non si comincia a ragionare attraverso opere a protezione delle coste. La natura ci riporterà ad intervenire ancora>>. Per uscire dalla condizione precaria <<è necessario creare un equilibrio attraverso politiche per le nuove generazioni>>.

Il presidente della commissione bilancio Demetrio Battaglia si è soffermato sull’idea dell’impresa. <<Bisogna considerarla nel suo contesto, cambiare impostazione e investire la tendenza attraverso la creazione di un nuovo modello fondato sul merito>>.

Sulle imprese ha continuato l’assessore al personale Liliana Frascà. <<Si devono premiare le attività che producono e non quelle degli amici – ha detto – credo nei consorzi perché hanno più potere nei confronti delle istituzioni. La cooperazione aiuta la crescita e di conseguenza il lavoro e l’occupazione. Nonostante siano mancate le risorse dello Stato molto è stato fatto da questa amministrazione attraverso interventi a favore delle imprese e per la stabilizzazione di circa tre mila precari>>.

Ristabilire il clima di fiducia tra cittadini e rappresentanti politici è fondamentale per il consigliere regionale Luciano Racco. <<Valorizzando i rapporti si riesce meglio ad utilizzare le risorse>>.

<<L’area grecanica deve essere rilanciata perché lo merita e per le sue potenzialità>>. Il consigliere regionale Nino De Gaetano ne è convinto, come è convinto che la centrale a carbone non serve a nulla. <<Dobbiamo investire sulle centrali solari, semmai – ha ribadito – e nell’area dove dovrebbe sorgere la centrale a carbone penso sia meglio un’area destinata al turismo. Il ponte? No. Meglio chiedere allo Stato i fondi che ci spettano per intervenire sulla statale 106, sulla ferrovia ionica, sui servizi e sulle infrastrutture per potenziare il turismo>>.

Michelangelo Tripodi ha concluso l’incontro elogiando le imprese turistiche che hanno organizzato l’iniziativa della serata augurandosi una sempre maggiore crescita del settore. <<Bisogna guardare con più fiducia almeno nel breve periodo – ha chiosato Tripodi. Dobbiamo stare attenti quando si devono addossare le responsabilità. Spesso non sono della regione ma dallo Stato che si è volatilizzato. Su 12 grandi opere solo una riguarda la Calabria. Il ponte. Niente fondi invece per i lotti stradali, per fronteggiare le calamità naturali. I treni ad alta velocità si fermano a Lamezia. Così viene negato il diritto alla mobilità. Gridiamo forte “no” alla centrale a carbone, quell’energia non serve alla Calabria. Bisogna sostenere l’impresa locale turistica e costruire una Calabria nuova attraverso la valorizzazione delle risorse proprie. Siamo in grado di lanciare questa nuova sfida se continueremo a governare>>.

A conclusione dei lavori breve intervento del sindaco di Palizzi Gianni Nocera che ha invitato i presenti ad una maggiore attenzione verso le richieste dell’area grecanica spesso inghiottite da lungaggini burocratiche che di certo non aiutano la crescita e lo sviluppo.

Francesco Iriti

Storico Direttore di www.ntacalabria.it, é giornalista pubblicista dal 2008. Laureato in Scienze della comunicazione, ha di recente pubblicato il libro " E' un mondo difficile". Ecco il link per acquistarlo http://amzn.to/2lohl4U. Lavora come Digital Content Marketing in Irlanda.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!