Servizio Ambulanza area grecanica. L’allarme di “Una città da cambiare”

Servizio Ambulanza area grecanica. L’allarme di “Una città da cambiare”

Servizio di soccorso con Ambulanza nell’area grecanica a rischio. Il movimento Politico “una città da cambiare” lancia l’allarme.

Di seguito pubblichiamo la nota del Movimento Politico “Una città da cambiare”:

Servizio Ambulanza area grecanica. “Una città da cambiare” lancia l’allarme

Dopo la beffa di qualche anno addietro della “benedizione” in pompa magna e foto di rito della maggioranza consiliare melitese per la nuova ambulanza, annunciata come secondo mezzo di soccorso in dotazione al 118 dell’area grecanica; ma rivelatasi di fatto una mera sostituzione con la precedente letteralmente giunta “al capolinea” perché troppo usurata; la cittadina melitese e tutto il comprensorio Jonico reggino rischiano di ritrovarsi sprovvisti di un servizio pubblico essenziale: anche l’unico mezzo di soccorso a presidio della salute dei cittadini del distretto jonico rischia di fermarsi ai box.

Carenza di organico

Stavolta sarebbe l’ormai atavica carenza di organico a determinare l’interruzione di un servizio così fondamentale. Al momento Melito ha una dotazione di soli 3 autisti; appena sufficienti a garantire la regolare turnazione; se non grazie al loro spirito di sacrificio, non avendo spesso nemmeno la possibilità di usufruire regolarmente delle sacrosante ferie al fine garantire la continuità del servizio.

Come appreso da fonti interne, presto saranno anche negati gli straordinari per il raggiungimento delle soglie contrattuali previste e l’organico, già “ridotto all’osso”, subirà inoltre ulteriori riduzioni a causa di prossimi pensionamenti.

Le richieste di “Una città da cambiare”

Data la drammaticità e l’urgenza della situazione, a tutela del fondamentale diritto alla salute di tutti gli abitanti; appare urgente ed improcrastinabile il reclutamento di nuovo personale.
Per questo motivo ci rivolgiamo alla triade commissariale dell’ASP di RC ed al direttore del Dipartimento Emergenza Urgenza, il Dr. Domenico Forte, affinché si intervenga in modo tempestivo per non vedere negato anche il diritto ad essere soccorsi in situazioni di emergenza.