Valle Grecanica, i giallorossi si preparano in vista dell’Acri

valle grecanica

Questo post é stato letto 17120 volte!

valle grecanica
valle grecanica

di Francesco Iriti

Due vittorie, sei pareggi e quattro sconfitte. E’ questo il bottino della Valle Grecanica dopo le prime 12 partite di campionato dove sono stati racimolati soltanto 12 punti, la media di uno a partita.

Una situazione non delle migliori quella giallo rossa che vede Manganaro e compagni ad appena 3 punti dall’ultimo posto in classifica, che vale la retrocessione diretta in Eccellenza, con solo 4 squadre in mezzo.

La vittoria, come più volte rimarcato nelle colonne di CO, manca dalla seconda giornata di campionato quando venne sconfitto l’Acireale bissando l’intera posta in palio ottenuta nella prima giornata. Da allora solo pareggi e sconfitte che hanno, di fatto, portato la squadra nelle zone basse della classifica.

Ancora, tuttavia, nulla è perso anche perché la classifica è corta e vede la zona play off distante soli 6 punti anche se, in questo campionato equilibrato, non esistono partite semplice ed ogni match nasconde delle insidie. L’imperativo è vincere anche se nel gruppo, nonostante il buon gioco espresso, sembra essere arrivata la paura di fare risultato.

E domenica ci sarà un compito non di certo agevole con la capolista Acri che arriverà a Melito spinta dalle ali dell’entusiasmo e spinta anche dal tifo dei propri beniamini che sicuramente non si vorranno perdere l’incontro.

Mister Dima Ruggiano in questa settimana preparerà al meglio una partita che dirà molto sul futuro suo e dell’intero gruppo vista anche l’imminenza della riapertura del calcio mercato che, sicuramente, porterà qualche cambiamento in seno alla rosa. E’ indubbio che necessita una sterzata all’intero ambiente e quando i risultati non arrivano la società corre subito ai ripari.

Gli addii di Schiavon e di Manzo rappresentano soltanto un campanello d’allarme lanciato dall’entourage che, dopo aver allestito in estate una rosa molto vasta, mirerà a diminuire le spese. Inoltre, ci sarà da reperire sul mercato qualche elemento di esperienza per permettere ai più giovani di crescere al meglio.

Questo post é stato letto 17120 volte!

Author: Cristina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *