Spal – Reggina: Un successo dedicato al Presidente Luca Gallo

Tumminello - Reggina

Tumminello

Spal e Reggina scendevano sul terreno di gioco del Paolo Mazza con l’intento di dare un’ ulteriore scossone alla loro classifica in chiave salvezza. I Ferraresi stavano vivendo una stagione molto negativa ed erano chiamati a rialzarsi, per tenere a bada la concorrenza. L’undici di mister Venturato, veniva dalla pesante sconfitta per 4-0 rimediata sul campo del Monza che, li aveva relegati a più uno sulla zona playout, con appena 23 punti in graduatoria. Vincere era l’imperativo, per provare ad agganciare proprio gli amaranto. La vittoria nel derby calabrese, arrivata dopo tre sconfitte consecutive, aveva ridato ossigeno e morale all’undici di Stellone, tornato alla vittoria dopo un lungo digiuno. I Calabresi, erano arrivati in terra estense, con l’intento di dare seguito alla positiva prestazione  messa in mostra al Granillo. A tenere banco nel club amaranto, sono state però le gravi condizioni di salute del Presidente Luca Gallo. L’ undici dello Stretto, con una gara intelligente, ha sbancato Ferrara in rimonta, grazie alla prima rete con la casacca amaranto di Tumminello e, nella ripresa di Bianchi e Galabinov al suo settimo centro della stagione. È stata una vittoria cercata e voluta. Costruita con tanta personalità e coralità, è giunta in un momento delicato del campionato di Galabinov e compagni.

Le scelte tecniche

Venturato, ha schierato Zanellato e Mora, dando spazio in avanti alla coppia d’attacco Finotto-Vido. Stellone, come annunciato nei giorni scorsi, ha attuato dei cambiamenti nella formazione. Alle spalle Micai – in campo al posto di Turati – con Loiacono e l’ex Cionek al centro della difesa, ha disegnato un centrocampo costituito da Folorunsho, Bianchi, Crisetig e Giraudo, al suo esordio stagionale. A supportare sulla trequarti Tumminello, unica punta – in campo dal primo minuto – Cortinovis. Panchina per Kupisz, Hetemaj, Galabinov, Mènez e Montalto.

La partita

E’ stato un primo tempo equilibrato. I padroni di casa, sono partiti meglio, passando in vantaggio con una azione finalizzata da Mancosu, abile ad eludere la sorveglianza di Crisetig, il cui tiro si è insaccato sotto la traversa della porta dell’incolpevole Micai, dopo un assist di Vido. Non si è fatta attendere la reazione degli ospiti che non si sono disuniti. A riprende la gara, è stato Tumminello – schierato a sorpresa da Stellone – servito rasoterra al centro dell’area avversaria da Giraudo.

La seconda frazione

La ripresa, ha visto in campo l’undici amarato sempre sul pezzo. Nel porsi con personalità, ha trovato il vantaggio con un colpo di testa di Bianchi, sugli sviluppi di un corner. A mettere in ghiaccio il risultato, ci ha pensato Galabinov. Il bulgaro, entrato in corso d’opera al posto di Tumminello, ha servito il tris che ha chiuso definitivamente il match, su pregevole servizio di Cortinovis – in grande spolvero – innescato da Hetemaj.

Un successo dedicato a Luca Gallo

Luca Gallo

Luca Gallo

Gli amaranto, hanno ritrovato così il quarto successo fuori casa. In campo, si è visto lo stesso impegno messo tra le mura amiche nel derby contro i Pitagorici. La squadra, è apparsa migliorata nell’atteggiamento e nel carattere, venuto fuori grazie al silenzioso lavoro di questi giorni del tecnico romano, che sta dando i suoi frutti, nella gestione  dei momenti topici della partita. Portata a termine con compattezza e tanta personalità la gara, sono arrivati tre punti pesantissimi per economia della classifica. Il tutto con una dedica speciale per massimo esponente del sodalizio amaranto, in queste ore operato d’urgenza per un grave problema cardiaco, le cui condizioni sono attentamente monitorate.

Il tabellino

Spal – Reggina: 1-3

Marcatori: 19′ Mancosu (S), 34′ Tumminello (R), 60′ Bianchi (R), 78′ Galabinov (R),

SPAL: Alfonso; Peda (63′ Almici), Meccariello, Vicari, Celia; Zanellato, Esposito (80′ Crociata), Mora (63′ Pinato); Mancosu; Finotto (63′ Colombo), Vido (76′ Rossi). A disposizione: Thiam, Zuculini, Saiani, Capradossi, Da Riva, Heidenreich, Latte Lath. Allenatore: Venturato.

Reggina: Micai; Loiacono, Cionek (84′ Amione), Di Chiara; Adjapong, Bianchi (62′ Hetemaj), Crisetig, Cortinovis (80′ Bellomo), Giraudo (62′ Kupisz); Folorunsho; Tumminello (62′ Galabinov). A disposizione: Aglietti, Turati, Franco, Denis, Ménez, Montalto. Allenatore: Stellone.

Direttore di gara: Baroni di Firenze. Assistenti: Raspollini di Livorno e Nuzzi di Valdarno. IV ufficiale: Delrio di Reggio Emilia. VAR: Fabbri di Ravenna. AVAR: Grossi di Frosinone.

Enzo La Piana

Ha iniziato nei lontani anni ottanta a scrivere di sport, per un breve periodo, per il giornale il "Provinciale". Nel tempo il mondo della televisione lo ha catturato, facendolo appassionare alle riprese televisive, coltivate grazie all'emittente RTV. Prima di approdare su Ntacalabria, ha scritto per altri blog e giornali online seguendo il calcio e la Reggina.