Reggina: Un anno buono ma la pandemia non ha risparmiato gli amaranto

Reggina: Un anno buono ma la pandemia non ha risparmiato gli amaranto

Il 2021 è stato un anno che tutto sommato può ritenersi buono per la Reggina, nonostante l’ultimo periodo sotto tono. Una salvezza conquistata lo scorso campionato, con l’estate che ha regalato un gruppo di qualità. Dopo la vittoria nel derby del Marulla, Galabinov e compagni sono stati per una notte al comando della classifica di Serie B, poi il momento no, seguito dall’esonero di Aglietti ed il richiamo sulla panchina amaranto di Mimmo Toscano con il buon punto conquistato a Como, che ha interrotto una striscia di cinque sconfitte consecutive. In terra lombarda, un segno tangibile che ha messo in evidenza l’inizio della reazione che tutti attendevano.

Riflettori sulla pandemia

L’anno appena trascorso, sarà ricordato per essere stato (dopo il 2020) costantemente all’insegna della pandemia da Covid-19 che, non ha risparmiato nemmeno il club amaranto. Anche per il club dello Stretto, si prospetta un ritorno in campo condizionato dalla situazione epidemiologica, considerando che sono ben 20 i componenti del Gruppo Squadra che hanno contratto il virus. La morsa del Covid continua ad influenzare l’agenda sportiva di diverse squadre. Oltre al club amaranto, anche Ascoli, Pordenone, Monza, Lecce, Pisa, Como, Vicenza, Spal, Crotone, Frosinone e Ternana, stanno facendo i conti con la pandemia che non accenna a frenare la sua corsa. Un momento certamente non facile da gestire, se dovesse perdurare a questi livelli anche alla ripresa del campionato, già fermato per il continuo evolversi in negativo della situazione. A fare il punto della situazione in casa amaranto è stato il GM De Lillo, ai microfoni di Reggina Tv.

Si sono allenati, ha detto, solo dieci giocatori. Diciotto sono positivi e due fanno parte dello staff…I ragazzi ,stanno bene, quasi nessuno ha sintomi. Sono tutti vaccinati…La situazione è unicamente basata sulla positività. Siamo in tempi ristretti, ha precisato, la preparazione è compromessa, i ragazzi non possono allenarsi…Non possiamo giocare contro il Brescia, con diciotto postivi che non si stanno allenando. Vedremo che linea terrà l’assemblea di Lega, se si continuerà ad utilizzare il metodo di far slittare il campionato. Sarei propenso – ha concluso – a spostare le partite che non si possono giocare.

Enzo La Piana

Ha iniziato nei lontani anni ottanta a scrivere di sport, per un breve periodo, per il giornale il "Provinciale". Nel tempo il mondo della televisione lo ha catturato, facendolo appassionare alle riprese televisive, coltivate grazie all'emittente RTV. Prima di approdare su Ntacalabria, ha scritto per altri blog e giornali online seguendo il calcio e la Reggina.