Reggina – Spal: La firmano Hetemay ed il super gol di Montalto

Reggina – Spal: La firmano Hetemay ed il super gol di Montalto

Che Reggina la squadra di Aglietti. Bella, tenace e caparbia, per volontà e coralità di gioco. Gli amaranto hanno superato una velleitaria Spal con una prova concreta, solida e convincente. Continuando ad essere imbattuti con pieno merito, l’undici amaranto ha conquistato tre punti fondamentali – secondo successo casalingo – per un lusinghiero percorso nelle zone alte della classifica. La squadra dello Stretto, voleva dare seguito alla prestazione dello Ezio Scida, per regalare ai suoi tifosi – dodicesimo uomo in campo – accorsi in massa sui gradoni del Granillo, nonostante il gran caldo che il mese di settembre sta riservando. I Ferraresi, partiti con il piede sbagliato per via della sconfitta, all’esordio contro il Pisa, hanno conquistato quattro punti nelle due partite successive, contro Pordenone e Monza ed in Calabria, cercavano punti pesanti. È stata una gara particolarmente impegnativa, la prima di un ciclo di tre partite ravvicinate, dove le energie dovevano essere ottimizzate al meglio, visto il perdurare delle alte temperature. Ad aprire le marcature di un match entusiasmante, è stato Hetemaj che ha sfruttato una disattenzione della difesa dei Biancazzurri, insaccando a pochi passi da Thiam. Gli estensi hanno trovato il pari su calcio di rigore, tirato due volte, da Esposito, ma a ristabilire le dovute distanze, ci ha pensato l’eurogol di Montalto nella ripresa, con un tiro fortissimo di sinistro indirizzato di precisione all’angolino alto della porta, imprendibile per l’estremo difensore ospite.

Le scelte

Aglietti senza Menez, tornato dalla squalifica, ma fermato da un problema al tendine e con Denis in panchina – non ancora al meglio per affrontare una gara da titolare – ha scelto Rivas per affiancare  Galabinov, con l’obiettivo di ottenere la seconda vittoria, tra le mura amiche. Rispetto a Crotone quindi, l’unica novità è stata l’esclusione di Montalto – si è accomodato in panca – dalla formazione iniziale. Panchina anche per Cortinovis, che brillerà nella ripresa. Discorso diverso per Clotet che ha dovuto fare a meno di Zuculini e Dickmann. Spazio quindi a Spaltro a destra. L’allenatore spagnolo, nel mandare in campo una squadra offensiva, ha lasciato in panchina Seck, preferendo Crociata, con Colombo unica punta, sostenuto da Mancosu alle sue spalle.

Note

 

Nonostante il gran caldo, si è registrato il tanto atteso e voluto ritorno in grande stile della Sud,  che con il suo proverbiale incitamento e cori incessanti a sostegno, insieme a tutti i tifosi presenti allo stadio di Via Galilei, ha condotto l’undici di casa verso la conquista dell’intera posta in palio.

La partita

Dopo una prima fase di studio per entrambe le squadre, la gara si è fatta subito tirata. È stato un bel primo tempo, dove i padroni di casa, hanno messo a dura prova il reparto difensivo ospite, sospinti dal tifo infuocato del loro pubblico. Sono stati gli amaranto di Aglietti, come da copione, a dettare legge passando in vantaggio nel primo quarto d’ora della partita con Hetemaj che si è fatto trovare pronto sugli sviluppi di un calcio d’angolo, a fulminare Thiam.

Un rigore infinito

Gli ospiti hanno riagguanto provvisoriamente le sorti della contesa che si è rivelata maschia e durissima, su errore difensivo dei padroni di casa. È arrivato così inaspettatamente il penalty per la squadra Estense. È stato Esposito a presentarsi sul dischetto, ma il tiro è stato neutralizzato da uno strepitoso Micai. Quello che non ti aspetti però è accaduto, perché il Var ed il direttore di gara, hanno accordato la ripetizione della massima punizione, che lo stesso Esposito questa volta ha insaccato.

La ripresa

In avvio, le due squadre hanno cercato il varco giusto, ma ad incidere sono stati i cambi del tecnico di San Giovanni Valdarno, che ha continuato a dare fiducia ad Alessandro Cortinovis e ad Adriano Montalto. A propiziare la rete del definitivo vantaggio è stata una perfetta imbucata dello stesso Cortinovis, che ha innescato Montalto che, di prima intenzione, con un eurogol ha insaccato sotto la traversa per il definitivo vantaggio amaranto. Nel finale, Spal vicino al pareggio con un colpo di testa di Peda, ma l’undici di casa, mai pago, ha continuato a pressare ed ai punti avrebbe meritato un vantaggio più più largo. Allo scadere del tempo regolamentare, un il tiro a giro di Lakicevic si è stampato su palo negandogli la gioia del gol. È toccato poi a Cortinovis quasi al triplice fischio del Sing. Baroni, sfiorare ancora la terza segnatura, dopo un bel servizio di Laribi, ma il tiro, che avrebbe meritato migliore sorte, è stato miracolosamente intercettato dall’ estremo difensore ospite.

Un successo importante

Una vittoria meritata, cercata e voluta, quella dell’undici di Aglietti, che si gode Hetemaj e Montalto e con il ritorno di Rivas, insieme a Galabinov ed al recupero di Denis (comunque ancora non al meglio) potrà innescare situazioni interessanti per le sorti dell’attacco amaranto, in attesa di capire i tempi di recupero di Menez. Da sottolineare la consapevolezza dell’intero gruppo, dimostratosi in grado di poter affrontare ogni tipo di gara, senza timori reverenziali. Gli attuali otto punti in graduatoria, permettono così agli amaranto di continuare a veleggiare imbattuti nelle zone alte della classifica, in attesa di affrontare nell’infrasettimanale un’altra prova di fuoco che la serie B propone loro, alla quinta giornata di campionato: quella del Guido Teghil, con i Ramarri dell’ex Rastelli, che al Tombolato contro il Cittadella di Edoardo Gorini hanno incassato l’ennesima sconfitta stagionale.

Il tabellino

Reggina – Spal 2-1   Marcatori: 16′ Hetemaj, 35′ Esposito, 69′ Montalto.

Reggina: Micai; Lakicevic, Cionek, Stavropoulos, Di Chiara (87′ Liotti); Ricci (61′ Cortinovis), Hetemaj (80′ Bianchi), Crisetig, Rivas (80′ Laribi); Bellomo, Galabinov (61′ Montalto). A disposizione: Turati, Loiacono, Regini, Amione, Gavioli, Denis, Tumminello. Allenatore: Aglietti.

Spal: Thiam; Spaltro (61′ Peda), Vicari, Capradossi, Tripaldelli (80′ Celia); Esposito (54′ Da Riva), Viviani; Latte Lath (62′ Seck), Mancosu, Crociata (80′ D’Orazio); Colombo. A disposizione: Seculin, Melchiorri, Mora, Ellertsson, Coccolo, Heidenreich, Piscopo. Allenatore: Clotet

Direttore di gara: Baroni di Firenze Firenze. Var: Ivano Pezzuto di Lecce. Avar: Giovanni Baccini di Conegliano.

Enzo La Piana

Ha iniziato nei lontani anni ottanta a scrivere di sport, per un breve periodo, per il giornale il "Provinciale". Nel tempo il mondo della televisione lo ha catturato, facendolo appassionare alle riprese televisive, coltivate grazie all'emittente RTV. Prima di approdare su Ntacalabria, ha scritto per altri blog e giornali online seguendo il calcio e la Reggina.