Cremonese – Reggina: Gli amaranto fermano la capolista

Cremonese – Reggina: Gli amaranto fermano la capolista

Dopo gli impegni delle Nazionali, la Serie B tornava in campo per disputare la trentaduesima giornata di un campionato, equilibrato e aperto ad ogni soluzione. Al Giovanni Zini si affrontavano la Cremonese di Fabio Pecchia e la Reggina di Roberto Stellone. I padroni di casa, si erano ripresi la vetta della graduatoria, infilando la seconda vittoria consecutiva maturata sul campo della Spal. Un successo che aveva permesso ai Grigiorossi di arrampicarsi al comando di una classifica ancora corta, puntando a confermarsi anche tra le mura amiche, nel tentativo di allungare. Sull’altro versante, gli amaranto, erano tornati a vincere prima della sosta, facendo bottino pieno nel derby tutto calabrese contro il Cosenza che aveva consentito di accorciare in zona playoff. Con una salvezza matematica a portata di mano, la squadra dello Stretto, aveva dimostrato carattere e convinzione da quando Stellone si era seduto sulla panchina amaranto.

Il nostro obiettivo è toglierci qualche soddisfazione.

Questo, il pensiero espresso in conferenza stampa dal tecnico romano alla vigilia del confronto in terra lombarda ed in effetti così è stato. Si sapeva che la partita avrebbe riservato insidie nascoste per entrambe le squadre e, non è stata facile per i padroni di casa, apparsi impacciati nel primo quarto d’ora della contesa davanti agli amaranto. L’undici ospite, con un avvio veemente ed una gara condotta con acume tattico, hanno messo in difficoltà i locali, che non sono riusciti a bucare il bunker predisposto dal tecnico romano. A decidere un match combattuto e, per larghi tratti comandato nel gioco dall’undici di Stellone, le reti di Ciofani e Galabinov, su rigore procurato da Kupisz.

Le scelte

Pecchia, in difesa, ha schierato Bianchetti con Okoli al suo fianco. A centrocampo, il tecnico di Formia, ha scelto  Castagnetti e Valzania  e sulla trequarti  Zanimacchia, Strizzolo e Gaetano, con Crescenzi e Sernicola a presidiare le corsie laterali, affidandosi a Ciofani in avanti. Stellone, ha risposto schierando dietro Amione, affiancato da Cionek e Di Chiara. In mediana, sono andati Bianchi, Crisetig ed Hetemaj, con Giraudo e Lombardi sugli esterni. Attacco leggero quello scelto dal tecnico amaranto, con la coppia offensiva composta da Folorunsho e Rivas.

Gara lanciata e grande intensità

Frazione piacevole tra due delle migliori formazioni del campionato. Dopo un giallo comminato a Bianchetti ad appena cinque secondi dal calcio d’inizio, sono stati gli amaranto a partire prepotentemente alla grande, sorprendendo la Cremonese che ha dovuto subire il loro pressing, faticando a fermare le offensive di Rivas e compagni. È stato lo stesso honduregno a mettere in apprensione la difesa ospite. Provvidenziale per i padroni di casa, è stato l’anticipo di Bianchetti, con Carnesecchi pronto a chiudere in corner. Dopo cinque giri di lancette, gli ospiti sono andati vicini al vantaggio con Aimone che, ben appostato ha girato a botta sicura, trovando pronto l’estremo difensore comasco a salvare i suoi. L’undici di Pecchia, ha provato in diverse occasioni a bucare l’attenta difesa calabrese, senza riuscire a sbloccare la gara.

Tutto nella ripresa

Andrey Galabinov

Andrey Galabinov

In avvio di gara, è arrivata la giocata che ha sbloccato gli equilibri in campo. A rompere il ghiaccio, è stato Ciofani che, sugli sviluppi di una punizione dalla destra di Castagnetti, ha concluso rasoterra trovando l’angolo basso alla destra di Micai. L’undici di Stellone, pur sotto di una rete, ha continuato rimanendo sempre sul pezzo, a tessere la sua tela. Al minuto sessantanove, l’episodio che ha cambiato la sfida: Abbattista, che prima aveva alzato il giallo a Crescenzi – già ammonito – per un fallo su Hetemaj, richiamato alla Var, ha trasformato la sua decisione, tirando fuori il rosso. L’undici di casa, in inferiorità numerica, ha così subito l’assalto efficace portato avanti dagli amaranto, conclusosi con la rete siglata da Galabinov. L’ attaccante bulgaro, subentrato in corso d’opera, ha fissato il definitivo gol del pari, trasformando il penalty, assegnato dal direttore di gara per un fallo in area di Sernicola su Kupisz.

La mano di Stellone

La squadra con lui, è apparsa più fresca e rinvigorita. Non è un caso che il lavoro e le scelte ponderate del tecnico, si stiano dimostrando azzeccate nel mettere in campo un collettivo muscolare e di corsa, seguito dagli innesti sempre pronti a dare il loro contributo a gara in corso. Questa volta è toccato a Kupisz, Adjapong e Ménez, alzare il ritmo partita. Soprattutto il francese, ha messo ancora una volta in suo marchio di qualità alla manovra. Suo, il passaggio illuminante per Kupisz, dal quale è nata l’azione del pareggio. Ora si dovrà già pensare alla gara del Granillo dove sarà di scena martedì il Benevento che al Vigorito ha servito una cinquina al Pisa di Luca D’Angelo.

Il tabellino

Cremonese – Reggina 1-1   Marcatori: 50′ Ciofani, 80′ rig. Galabinov

Cremonese (4-2-3-1): Carnesecchi; Crescenzi, Bianchetti, Okoli, Sernicola; Castagnetti, Valzania (46′ Fagioli); Zanimacchia (66′ Baez), Gaetano (46′ Rafia), Strizzolo (76′ Buonaiuto); Ciofani (83′ Gondo).

A disposizione: Ciezkowski, Sarr, Fiordaliso, Casasola, Ravanelli, Baez, Meroni, Politic. Allenatore: Pecchia.

Reggina (3-5-2): Micai; Cionek, Amione, Di Chiara; Giraudo (60′ Adjapong), Bianchi (78′ Galabinov), Crisetig, Hetemaj (78′ Montalto), Lombardi (60′ Kupisz); Folorunsho, Rivas (60′ Ménez).

A disposizione: Turati, Adjapong, Aya, Loiacono, Stavropoulos, Bellomo, Cortinovis, Ejjaki. Allenatore: Stellone.

Direttore di gara: Abbattista di Molfetta. Assistenti: Fiore e Lanotte di Barletta. IV ufficiale: Gualtieri di Asti. VAR: Aureliano di Bologna. A-VAR: Scatragli di Arezzo.

Enzo La Piana

Ha iniziato nei lontani anni ottanta a scrivere di sport, per un breve periodo, per il giornale il "Provinciale". Nel tempo il mondo della televisione lo ha catturato, facendolo appassionare alle riprese televisive, coltivate grazie all'emittente RTV. Prima di approdare su Ntacalabria, ha scritto per altri blog e giornali online seguendo il calcio e la Reggina.