Il Cialis (Tadalafil), utile anche per proteggere il rene

Il Cialis (Tadalafil), utile anche per proteggere il rene

Tutti conosciamo i farmaci dedicati al sostegno delle problematiche erettili nell’uomo.

Tra questi molto usato il Tadalafil ( suo primo nome commerciale Cialis) che presenta anche dei vantaggi forse non da tutti conosciuti. Il nostro esperto Dottore Andrea Militello ci parla di questo farmaco.

Il Cialis: tutto ciò che c’è da sapere

Un recente studio inglese ha valutato l’effetto renoprotettivo dell’inibitore della fosfodiesterasi 5 (PDE5I) sul danno renale indotto da IR in un modello di ratto.
In questo studio che riportiamo 30 ratti Sprague-Dawley maschi adulti, di 12 settimane, sono stati divisi in tre gruppi.

Il danno renale da IR è stato indotto dall’occlusione del peduncolo renale bilaterale per 45 minuti seguita da riperfusione per 24 ore. I ratti sono stati sacrificati per raccogliere campioni di sangue e tessuti. Ai ratti IR è stato somministrato quotidianamente Tadalafil per via orale (gruppo I) o senza pillole (gruppo II), mentre gli animali operati in modo fittizio sono stati trattati senza pillole (gruppo sham).

La pillola è stata diluita con acqua distillata e somministrata ai ratti per 15 giorni, per via orale.
Istopatologia renale, funzione, citochine pro-infiammatorie e infiammatorie e mediatori sono stati valutati mediante creatinina sierica, test western blot e immunoistochimica.

I risultati

Rispetto al gruppo sham, i ratti sottoposti a intervento IR renale hanno mostrato un aumento significativo della concentrazione di creatinina sierica (p <.01) e mediatori pro-infiammatori e infiammatori tissutali. Nel gruppo I, tuttavia, il tadalafil ha soppresso in modo significativo l’aumento della creatinina sierica e ha aumentato i livelli di ossido nitrico endoteliale sintasi e diminuito il livello di molecola di adesione intercellulare-1 (ICAM-1) rispetto al gruppo II (p <.05). Inoltre, il tadalafil ha impedito l’espressione indotta da IR di mediatori pro-infiammatori come la proteina chemiotattica dei monociti-1 (MCP-1) (p <.05).

Le conclusioni

Il Tadalafil promuove in modo significativo il recupero funzionale dopo un danno renale da IR e inibisce efficacemente l’induzione di mediatori pro-infiammatori e infiammatori.

I risultati confermano il Tadalafil come agente protettivo contro il danno renale indotto da IR. Si aprono quindi nuove frontiere per queste molecole. Il Tadalafil del resto è molto usato per migliorare la funzione urinaria nell’uomo, ma sarà motivo di un altro blog.

Francesco Iriti

Storico Direttore di www.ntacalabria.it, é giornalista pubblicista dal 2008. Laureato in Scienze della comunicazione, ha di recente pubblicato il libro " E' un mondo difficile". Ecco il link per acquistarlo http://amzn.to/2lohl4U. Lavora come Digital Content Marketing in Irlanda.