Serapide Pozzuoli – Liomatic Basket Viola

di Giuseppe Dattola

SERAPIDE POZZUOLI – LIOMATIC TEAM BASKET VIOLA 63-66

PARZIALI:20-12/ 32-32/ 42-47/ 60-60

POZZUOLI: Innocente 11, Di Napoli 12, Regio 7, Marangoni 19, Porta 10, Di Costanzo, Barbieri, Velocci 4, Andrè, Errico. All. Pepe

VIOLA: Dip 12, Di Lembo 5, Niccolai 12, Roselli 4, Negri 19, Yasakov, Manzotti, Scozzaro, Dalla vecchia 8, Grasso 6. All. Bianchi

ARBITRI: Fimiani e Roca di Roma

Successo importantissimo della Viola che passa sul campo del Pozzuoli dopo un overtime. I ragazzi di coach Bianchi non si arrendono mai e si portano a casa un importantissimo successo in chiave play-off. Eppure il match non era iniziato nel migliore dei modi con un primo quarto decisamente a favori dei padroni di casa che entrano in campo concentrati e pronti a rendere la vita dura ai nero arancio. Di Napoli è scatenato e buca ripetutamente il canestro dei reggini che tengono botta grazie a qualche giocata sottocanestro di Dip. Ma nel secondo quarto la Liomatic cambia marcia: si sveglia Niccolai e Dalla Vecchia si ricorda di essere un pivot che può fare la differenza in questa categoria. I reggini impattano il match sul finire di tempi e prendono per la prima volta in mano l’inerzia dell’0incontro con i campani visibilmente storditi dalle giocate di Negri e compagni. La Viola rientra in campo con la giusta concentrazione e, lentamente, si porta avanti nel punteggio. Negri si rende protagonista di un paio di belle giocate sul fronte offensivo mentre Niccolai e Dip si confermano sugli ottimi standard del primo tempo. Si va all’ultimo periodo con i reggini in vantaggio di cinque punti, un bottino importante ma che non dà sicurezza su parquet difficili come quello del Pozzuoli. Ed infatti i padroni di casa, trascinati da Marangoni, si rendono protagonisti di un parziale di 9 a 0 che spegne l’entusiasmo dei reggini. Coach Bianchi è costretto a chiamare time-out ed a fermare l’emorragia. I reggini escono bene ed infatti Negri si prende in mano la squadra realizzando una serie di canestri consecutivi che rimettono  il match in parità a cinque minuti dal suono della sirena. Si arriva all’ultimo giro di lancetta con il punteggio di 60 pari che consegna ai presenti sugli spalti un finale punto a punto.  Nell’ultimo minuto nessuna delle due squadre mette punti a referto e si va ai supplementari. L’overtime comincia con un’altra sfuriata offensiva di Negri ma Porta riporta sotto i suoi. L’ex Ostuni è comunque scatenato è segna il canestro del 66 a 63 che regala ai nero arancio la seconda vittoria del 2010 dopo aver sofferto le classiche pene dell’inferno

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!