Reggio Calabria, nuovo corso Confindustria, sospese 13 aziende

Immediata adesione al protocollo di legalità nazionale e sospensione per 13 aziende sottoposte a procedimento dalla Dda di Reggio Calabria. Questo – secondo quanto si legge in un comunicato – il marchio di fabbrica del nuovo corso della Confindustria di Reggio, apertosi con la nomina a Commissario-Presidente di Filippo Callipo.

“Punto di partenza e pietra miliare del progetto – è scritto – riassunto in una sola parola: legalità”. Il primo forte segnale di trasparenza e cambiamento è stata la profonda ristrutturazione organizzativa e dirigenziale della struttura amministrativa, che ha segnato sin da subito una forte discontinuità con la gestione del passato.

Un’ organizzazione che, resa più razionale e flessibile, intende essere il punto di incontro e rappresentanza del sistema produttivo locale e che ambisce a caratterizzarsi come elemento nuovo di stimolo per le politiche di sviluppo non solo locali ma anche regionali. L’obiettivo è quello di costruire un gruppo dirigente rappresentativo dell’economia provinciale ed ispirato ai valori della legalità e del libero mercato.

Perciò la nuova Confindustria di Reggio Calabria non poteva che porsi quale obiettivo prioritario, accanto allo sviluppo degli strumenti economici, anche il sostegno a quelle imprese e a quegli imprenditori che quotidianamente lottano, operando nel pieno rispetto della legge, contro il sistema mafioso e criminale che invece condiziona e vincola negativamente il mercato.

Maria Cristina Condello

Maria Cristina Condello ha conseguito la laurea Magistrale in "Informazione, Editoria e Giornalismo" presso L'Università degli Studi Roma Tre. Nel 2015 ha conseguito il Master di Secondo Livello in "Sviluppo Applicazioni Web, Mobile e Social Media". Dal 2016 è Direttore Responsabile della testata giornalistica ntacalabria.it

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!