Reggio Calabria, nel quartiere Tremulini ripristinato l’impianto idraulico

A Reggio l’amministrazione comunale fa acqua da tutte le parti ma i rubinetti sono a secco. Gravissimo ciò che è avvenuto a Tremulini.

Dopo cinque giorni senz’acqua, finalmente stamattina la situazione sta tornando lentamente alla normalità nel quartiere Tremulini di Reggio.

 A causa di un guasto alle pompe di smistamento dovuto ai recenti temporali, una delle zone più popolose della città è rimasta completamente a secco, con gravissimi disagi per migliaia di famiglie e soprattutto per anziani, bambini e diversamente abili.

 Una situazione insostenibile, oggetto di innumerevoli segnalazioni agli uffici comunali competenti e alla II Circoscrizione, che è stata affrontata in maniera assolutamente approssimativa dalla Giunta di Palazzo San Giorgio: ai ritardi inammissibili nei lavori di ripristino delle condutture idriche va sommata l’insufficienza del servizio assicurato ai cittadini tramite le autobotti.

 Un servizio a intermittenza che di fatto ha inficiato, per la scarsa quantità di acqua erogata, la funzionalità delle autoclavi di cui gran parte delle famiglie è stata costretta a dotarsi a proprie spese.

Succede anche questo nella “Città metropolitana della gioia”.

 E dire che proprio Tremulini è il quartiere che ha dato i natali e dove sono cresciuti l’ex sindaco e attuale governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti e il suo sottosegretario Alberto Sarra; una delle storiche roccaforti delle destra reggina, che anche alle scorse comunali e alle recenti regionali ha preso percentuali bulgare. Crediamo sia giunta l’ora che i cittadini comincino a chiedere conto del loro voto, in una città dove l’amministrazione pubblica fa acqua da tutte le parti eppure i rubinetti sono a secco.

Omar Minniti,

consigliere provinciale Prc

 

Demetrio Delfino,

consigliere comunale Prc

 

Andrea Logiudice,

consigliere Prc alla II Circoscrizione

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!