Reggio Calabria, il Presidente Scopelliti ringrazia il Governo per l’invio dell’Esercito

Reggio Calabria, il Presidente Scopelliti ringrazia il Governo per l’invio dell’Esercito

giuseppe scopelliti

Il Presidente della Regione Giuseppe Scopelliti ha ringraziato – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta –  il Governo per l’invio dell’Esercito a Reggio Calabria.“La presenza dell’esercito a Reggio – ha detto – è un’altra dimostrazione dell’attenzione che il Governo Berlusconi ha nei confronti del Mezzogiorno. E’ un momento delicatissimo per la Calabria e per Reggio in particolare e ritengo che tale provvedimento sia da interpretare come una risorsa ‘invisibile’ ma di reale supporto per i magistrati, per le forze dell’ordine e per le Istituzioni. Pur senza ‘militarizzare’ la città, l’esercito è stato recepito dai cittadini come un ennesimo segnale forte da parte dello Stato, deciso e fermo nel contribuire a rendere sempre più saldi in Calabria i principi di libertà, democrazia e legalità.

I militari – prosegue il Governatore della Calabria –  forniranno un grande contribuito soprattutto perché solleveranno le forze dell’ordine dall’impegno di presidiare gli obiettivi sensibili, permettendo loro di concentrarsi su altre attività, per un potenziamento della macchina della giustizia che ha sempre bisogno di nuove risorse.

I militari saranno impiegati solo sui luoghi da sorvegliare (gli uffici della Dda, la Procura generale, la Corte d’appello e l’abitazione del Procuratore Generale Di Landro) a dimostrazione che la loro attività sia mirata ad alzare il livello di sicurezza senza la necessità di una presenza troppo appariscente sul territorio. Voglio ringraziare il Ministro dell’Interno Maroni – conclude Scopelliti –  che ha mantenuto la promessa di ‘replicare alla ‘ndrangheta colpo su colpo’ ottenendo in questi anni risultati straordinari, e il Ministro La Russa, che ha risposto concretamente alle esigenze del territorio tramite questo provvedimento, in perfetta sintonia con la politica del Governo Berlusconi, con le problematiche delle istituzioni e con quanto richiesto dal sottoscritto.”

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!