Provincia di Reggio Calabria, ordine del giorno sulla crisi G.D.M. S.p.a

Provincia di Reggio Calabria, ordine del giorno sulla crisi G.D.M. S.p.a

provincia di reggio calabria

provincia di reggio calabria

Segue l’ordine del giorno sulla crisi del gruppo G.D.M. s.p.a., firmato dai Consiglieri provinciali Omar Minniti (Prc), Annunziata Tripodi (Pd), Rodolfo Malaspina (Pd) e Giovanni Barone (Gruppo misto).

L’odg sarà discusso e votato nella prossima seduta del Consiglio.

Il Consiglio Provinciale di Reggio Calabria

Premesso che:

–         da alcuni mesi appare evidente lo stato di crisi in cui versa la società G.D.M. s.p.a., con sede amministrativa in Campo Calabro (Rc) e proprietaria di 19 punti vendita dei marchi Quiper, Carrefour, Carrefour Express e Docks Markets, dislocati nei Comuni di Reggio Calabria, Campo Calabro, Melito Porto Salvo, Scilla, Vena di Jonadi (Vv), Milazzo (Me) e Crotone: scaffali semi-vuoti, chiusura di numerose casse, sensibili ritardi nei pagamenti degli stipendi, debiti accumulati nei confronti dei fornitori, accesso alla cassa integrazione da parte delle ditte esterne.

–         tale situazione di declino commerciale si è  palesata ufficialmente in data 23 marzo u.s., nel corso dell’incontro tenutosi tra  i rappresentanti della G.D.M. s.p.a., le Rsa e i sindacati di categoria di Cgil, Cisl, Uil e Ugl, in cui la società – contraddicendo le rassicurazioni fatte in precedenti tavoli – ha parlato di “crisi irreversibile” e manifestato la volontà di ricorrere al concordato preventivo per giungere ad un accordo coi creditori;

–         sempre in data 23 marzo u.s., le organizzazioni sindacali, alla luce delle comunicazioni ricevute dalla G.D.M. s.p.a., hanno chiesto e ottenuto un incontro in Prefettura, auspicando la convocazione di un tavolo formale di trattativa alla presenza dell’azienda e delle istituzioni locali;

Tenuto conto che:

–         dallo stato di crisi della G.D.M. è prevedibile che scaturiscano l’accesso agli ammortizzatori sociali per le maestranze e l’ipotesi di messa sul mercato, per segmenti, dei singoli punti vendita;

–         tali procedure riguarderebbero il futuro di circa 700 lavoratori del gruppo (di cui l’80% residenti sul territorio reggino), dei rispettivi familiari e di numerose ditte dell’indotto, con un numero ipotizzabile di circa 2.000 unità che ruotano attorno alla G.D.M.;

–         particolarmente preoccupante è la situazione in cui verserebbero  i circa cento lavoratori del menagement G.D.M., operanti presso la sede di Campo Calabro negli uffici amministrativo, commerciale, personale, tecnico, marketing, Haccp e controllo qualità, i primi a subire gli effetti di una ristrutturazione aziendale;

Considerato che:

–         assieme al Porto di Gioia Tauro e alla Officine Meccaniche Calabresi, la G.D.M. s.p.a. è una delle più grandi aziende della provincia di Reggio Calabria, con mole di personale paragonabile a quella di un’importante fabbrica;

–          il territorio reggino, già duramente segnato dal fallimento e la delocalizzazione di numerose attività produttive, non può più supportare dal punto di vista economico e sociale l’ulteriore riduzione dei livelli occupazionali;

Da mandato:

–         al Presidente della Provincia di Reggio Calabria, Avv. Giuseppe Morabito, e alla Giunta Provinciale, con particolare riferimento agli Assessori al Lavoro e alle Attività Produttive, di vigilare sull’evoluzione della vertenza riguardante il gruppo G.D.M. s.p.a., prendere parte ai futuri tavoli di trattativa e mettere in campo, in sinergia con gli altri enti locali, ogni azione istituzionale possibile per tutelare il diritto al lavoro dei  dipendenti dell’azienda e dell’indotto.

Maria Cristina Condello

Maria Cristina Condello ha conseguito la laurea Magistrale in "Informazione, Editoria e Giornalismo" presso L'Università degli Studi Roma Tre. Nel 2015 ha conseguito il Master di Secondo Livello in "Sviluppo Applicazioni Web, Mobile e Social Media". Dal 2016 è Direttore Responsabile della testata giornalistica ntacalabria.it

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!