Musolino su nomine in consiglio regionale della Calabria

Musolino su nomine in consiglio regionale della Calabria

eadv

di Mimmo Musolino

Immagino con sgomento e stupefatto un grande “bussolotto“ a manovella,  di quelli  usati prima delle estrazioni tecnologiche dei numeri del gioco  del lotto, campeggiare e roteare alle spalle dell’altoscranno della presidenza nel Consiglio Regionale della Calabria.

Ho saputo che per superare lo stallo, (si pensa dovuto dalle tante esigenze e richieste da parte dei politici e si presume anche da parte di “grandi e potenti  elettori “) delle tante nomine in Consiglio regionale,  lo “sfinito “ presidente, Nicola Irto ha deciso di affidare ad un sorteggio le nomine per le quali si è scatenato una autentica tempesta da parte delle clientele politico- elettorali.

Molti hanno gridato al miracolo e osannato la grande novità del metodo del sorteggio plaudendo a tale decisione, e ciò non mi sorprende considerando il pessimo rispetto e considerazione che loro (i politici)  hanno della capacità dei cittadini calabresi di intendere e ragionare di  politica. Lo stesso presidente Nicola Irto  sostiene: “ ….che tale determinazione può rafforzare la fiducia dei calabresi nella politica……..“.

Non sembra possibile che il Presidente della più prestigiosa Assemblea elettiva della Calabria possa fare questa affermazione!

La Calabria che pensa, ragiona e riflette non può essere d’accordo con l’ illustre  Presidente al quale va, certamente, dato atto della sua buona fede e del fatto di non avere esigenze politico – clientelari  da rispettare in conseguenza di “ impegni- promesse “ elettorali, altrimenti e probabilmente,  cercherebbe di  tenere fede a tali “impegni“ ad ogni costo e con ogni possibile compromesso.

Ma moltissimi cittadini si porranno le domande: ma che classe politica è questa  e di quale valore morale  e culturale è impregnata?

E perchè  non riesce a liberarsi dalla aberrante logica del più becero metodo clientelare?  E perchè  non ha la capacità  di decidere quali siano le persone più adatte per cultura, moralità e soprattutto per  merito, professionalità  e specifiche competenze a ricoprire cariche negli Enti regionali?

Con questa assurda ed estemporanea decisioni  si delegittima la politica e le istituzioni democratiche (per quel poco di credibilità  che ne  è rimasta)!

La logica del ”cugno“ si sostituisce con la logica del “culo” o  che dir si voglia.

Altro che rafforzare la fiducia dei cittadini ecc. …. bla, blaa, blaaa………a fronte di una classe politica che abdica, mortifica e non è nelle condizioni di onorare i propri doveri e le proprie prerogative e responsabilità istituzionali.

Va bene, si modifichi pure e si aggiorni la L.R. 39/95 sulle nomine! Iniziando con abolire, e con la massima urgenza possibile, una miriade di Enti,  Associazioni e quant’altro che servono solo a soddisfare le esigenze (non proprio legittime ed oneste)  del sottobosco politico- clientelare e che pesano sulle spalle e svuotano le tasche dei cittadini che sono ulteriormente  gravati da tassazioni ingiuste (ai limiti dell’estorsione), onerose ed insostenibili e senza avere alcun servizio (neanche quello primario della salute)  e beneficio in oltraggio alla Costituzione.

Forse è proprio per questi motivi che i poteri costituiti intendono, in maniera subdola, svuotare  e svilire (articolo dopo articolo)  la stessa Costituzione.

E poi neanche  si intravede e non si capisce  la necessità ed il motivo per cui la Regione sia rappresentata nei tantissimi Enti, Associazioni, Agenzie, Fondazioni e chi più ne ha più ne metta…. che sono dotati di Presidenti e Consigli di Amministrazione ecc.  i quali non avrebbero (in ossequio alla propria autonomia decisionale,  per logica e buon senso)  bisogno di tutele o/e di controlli  e di pareri da parte di personale esterno al Consiglio Regionale.

Mi permetto di dare un input al Presidente Nicola Irto: ritiri subito la proposta “pilatesca” ed ignava del sorteggio e deliberi le nomine seguendo e applicando, scrupolosamente, leggi e regolamenti.

E’ questo, e nessun altro, un grande segnale di autentico cambiamento!

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!