Montebello Jonico (Rc), Mallamaci ed il problema della scuola

Montebello Jonico (Rc), Mallamaci ed il problema della scuola

udc montebello jonico

Le polemiche intorno al mondo della scuola a Montebello Jonico non risparmiano in particolar modo l’amministrazione comunale. Il segretario provinciale dell’Udc Paolo Mallamaci denuncia il fatto che «l’A.C. di concerto con il locale comando dei vigili urbani ha deciso di precludere l’accesso agli autoveicoli lungo la strada  che porta al plesso scolastico di via Armeri’.»

Una decisione che, Mallamaci «non serve a diminuire i pericoli degli alunni ed a facilitare l’afflusso a scuola in modo ordinato, in quanto gli stessi sono costretti a farsi, con zaini pesantissimi sulle spalle, circa 500 metri a piedi prima di giungere a scuola». Il problema non si risolve in questo modo  in quanto «con tale decisione il considerevole traffico delle autovetture viene spostato dalle adiacenze della scuola in prossimità di piazza chiesa che non è in grado di ospitare tutte le macchine. Questa situazione oltre a comportare i disagi ai ragazzi costringe i genitori che portano i figli a scuola a “perdere” mezzora per accompagnarli, visto che non possono essere lasciati – continua Mallamaci – da soli anche a causa dei permessi e delle deroghe al transito che il comando dei vigili ha concesso al corpo docente e non ed ai genitori di bambini con particolari problemi di handicap».

«Questa decisione comporta solo disagi e crea ulteriori tensioni che si aggiungono ad un clima pesante che si respira nell’ambito scolastico – aggiunge il membro dell’Udc – dopo le soppressioni dei plessi di Montebello centro e di Masella».

Serve una svolta per non creare ulteriori disagi e che potrebbe essere eseguita «rivedendo l’ordinanza di traffico ed accelerando l’iter per addivenire nel più breve tempo possibile all’apertura delle due arterie – aggiunge Mallamaci – che sono nell’elenco delle opere pubbliche da oltre 5 anni che prevede anche l’aggiunta di un parcheggio».

«Bisogna studiare altre forme alternative che non facciano pagare ai bambini le scelte scellerate dei politici, differendo ad esempio l’orario di ingresso e di uscita delle elementari – conclude Mallamaci – e delle medie di 15 minuti ( 7,55 e 8,10 ad esempio) o spostando le scuole elementari nell’originario plesso di via Armerì che è stato reso idoneo e funzionante».

Francesco Iriti

Storico Direttore di www.ntacalabria.it, é giornalista pubblicista dal 2008. Laureato in Scienze della comunicazione, ha di recente pubblicato il libro " E' un mondo difficile". Ecco il link per acquistarlo http://amzn.to/2lohl4U. Lavora come Digital Content Marketing in Irlanda.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!