Melito Porto Salvo (RC), indagati 2 fratelli per aggressione a donna avvenuta lo scorso novembre

Melito Porto Salvo (RC), indagati 2 fratelli per aggressione a donna avvenuta lo scorso novembre

Pangallo Leone-Pangallo Santoro

Pangallo Leone-Pangallo Santoro

Alle prime ore di oggi i militari della Stazione Carabinieri di Saline di Montebello Jonico e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Melito Porto Salvo, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Pangallo Santoro 56enne e Pangallo Leone 45enne, due fratelli di Roghudi, ritenuti gli autori di una violenta aggressione consumatasi a novembre 2010 in Roghudi “Nuovo” ai danni di una donna di Montebello Jonico.

La vicenda ha avuto inizio il 25 novembre scorso quando, nottetempo, militari della Compagnia CC di Melito Porto Salvo sono intervenuti nella popolosa frazione “Caracciolino” di Montebello Jonico presso l’abitazione di una donna (la vittima del delitto, appunto) su richiesta della figlia della stessa. La donna si era presentata davanti ai Carabinieri devastata in viso da numerose ferite e in stato di shock.

La complessità del quadro lesivo della vittima (che veniva trasportata d’urgenza presso l’ospedale di Melito Porto Salvo e da qui, a causa delle gravi condizioni in cui versava, trasferita presso il reparto di Neurochirurgia degli OO.RR. di Reggio Calabria ove giungeva in prognosi riservata), unita ai primi elementi investigativi acquisiti sull’autovettura della donna, che presentava nell’abitacolo numerose tracce ematiche e i segni, su entrambi i lati della carrozzeria, di sfregamenti ed urti, hanno portato ad escludere da subito l’accidentalità dell’evento, ipotesi inizialmente prospettata agli investigatori dalla stessa vittima, facendo propendere per la tesi che il grave atto fosse da ricondurre alla mano dell’uomo e non alla casualità di un incidente.

I risultati investigativi, confortati nella ricostruzione degli eventi anche dalle dichiarazioni della vittima che, dopo alcuni giorni ha confermato, ha consentito di porre all’attenzione del Sostituto Procuratore della Repubblica Dott. TRIPODI (titolare del fascicolo procedimentale) una considerevole mole di circostanziate fonti di prova che, condivise completamente dal G.I.P. di Reggio Calabria, confluivano nella misura cautelare eseguita quest’oggi.

Ma qual’è il movente di questo assurdo evento? Ciò che si ipotizza (e che sarà oggetto di ulteriore approfondimento investigativo) è che la causa scatenante dell’aggressione potrebbe essere stata il tentativo, posto in essere dalla donna, di sottrarre, dalla rivendita di frutta e verdura di PANGALLO Leone (sita a Roghudi “Nuovo”), una forma di formaggio, azione non andata a buon fine per l’intervento degli odierni indagati.

Maria Cristina Condello

Maria Cristina Condello ha conseguito la laurea Magistrale in "Informazione, Editoria e Giornalismo" presso L'Università degli Studi Roma Tre. Nel 2015 ha conseguito il Master di Secondo Livello in "Sviluppo Applicazioni Web, Mobile e Social Media". Dal 2016 è Direttore Responsabile della testata giornalistica ntacalabria.it

Multimag Comments

We love comments

1 Comment

  1. silvia
    Marzo 18, 12:26 #1 silvia

    senza parole