Locri (RC), arriva il Banco Alimentare per aiutare i bisognosi

Questo post é stato letto 24980 volte!

banco alimentare

di Domenica Bumbaca

Scendono in campo la Leocos e l’Amministrazione comunale di Loci per sostenere i bisogni dei più poveri ed emarginati. Lo fanno  attraverso l’iniziativa del Banco Alimentare che inizierà ad operare a Locri nelle prossime settimane. Attraverso la Leocos, infatti, nelle prossime settimane diviene possibile un percorso di coscienza e consapevolezza che, attraverso l’aiuto alimentare, ed impegno assistenziale permetterà a chi lo riceve di accorgersi del bene gratuito.

Il servizio vedrà i giovani volontari della Leocos, sostenuti dal presidente Leo Moddafferi, portare a Locri gli alimenti raccolti nei centri di Cosenza e Gallico e distribuirli, all’inizio per due volte al mese, attraverso lo sportello operativo che l’associazione ha presso la sede COM, sita in contrada Canneti. Sede che già da tempo è stata concessa dall’Amministrazione Comunale con l’intento di promuovere sul territorio iniziative di ampio respiro sociale.

Basti pensare che la stessa Leocos è l’associazione che, attraverso il progetto “Social Taxi” ha attivato, sempre con l’Amministrazione Macrì, con l’asessorato alle politiche sociali, un servizio di trasporto gratuito rivolto ad anziani, diversamente abili e famiglie che si trovano in condizioni di disagio che opera tutti i giorni. Oltre le iniziative patrocinate dal Comune Modafferi e i suoi ragazzi sono, ormai, da diversi anni, impegnati nel volontariato in ospedale, organizzando anche molte iniziative nel reparto di Pediatria.

“Siamo estremamente Francesco Macrì è soddisfatto per l’iniziativa della Leocos e sottolinea: “Contribuiremo in qualità di amministratori, e, attraverso il supporto dei nostri uffici,  perseguiremo le finalità di solidarietà sociale nei settori dell’assistenza sociale e della beneficenza, per condividere, tutti insieme, l’importanza di assistere concretamente le classi meno abbienti, gli emarginati e, in generale, a tutte le persone in stato di bisogno”. “Siamo contenti di poter sostenere – aggiunge Macrì- un progetto che proviene da un giovane capace come Leo Modafferi che, attraverso la Leocos, ha saputo attivare un movimento di volontari che contribuiscono attivamente per sostenere progetti di integrazione sociale”.

Questo post é stato letto 24980 volte!

Author: Consuelo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *