A Reggio gli “Aspetti sapienziali del mondo greco arcaico”

A Reggio gli “Aspetti sapienziali del mondo greco arcaico”

eadv

Nell’ambito delle manifestazioni promosse dagli Stati Generali della Cultura 2016, mercoledì 25 maggio, alle ore 18.00, nell’Aula Magna del Liceo Scienze Umane e Linguistico “Tommaso Gullì” Corso Vittorio Emanuele, 69 Reggio Calabria, il Centro Internazionale Scrittori della Calabria e il Liceo “T. Gulli” promuovono “Aspetti sapienziali del mondo greco arcaico”, sesto incontro del ciclo “Quattro passi … Nel mondo antico …”ideato e diretto dalla prof.ssa Maria Quattrone. Il progetto culturale si prefigge di fare conoscere il mondo antico, latino e greco in particolare, attraverso gli autori più significativi.

Nicola Catalano

Nicola Catalano

Dopo i saluti della prof.ssa Margherita Tromba, coordinatrice del Dipartimento dell’Area Umanistica-Linguistica del Liceo“Tommaso Gullì” e di Loreley Rosita Borruto, Presidente del Cis, introdurrà i lavoriMaria Quattrone, già Dirigente Scolastico del Liceo Classico “T. Campanella” di Reggio Calabria, componente del Comitato Scientifico del Cis. Relatore del convegno sarà il prof. Nicola Catalano, già Dirigente Tecnico M. P.. La Grecia arcaica va dal 1100 a.C. al 500 a.C. ed è suddivisa in due periodi; il periodo dorico, dal 1100 a.C. all’800 a.C., dove ci fu la costruzione dell’acropoli di Lindos a Rodi e il secondo periodo, che va dall’800 a.C. al 500 a.C., dove la Grecia conobbe una rinascita culturale con le creazioni delle città stato; le più forti furono Sparta ed Atene. Gran parte della cultura arcaica greca è espressione di una civiltà orale. Solo dall’VIII secolo a.C., infatti, viene introdotta la nuova scrittura di tipo alfabetico. Nella società arcaica è inoltre importante la figura del poeta: egli è considerato maestro di verità e di sapienza.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!