Autunno caldo a Locri, solo 48 ore al Consiglio Comunale del 15 ottobre

Autunno caldo a Locri, solo 48 ore al Consiglio Comunale del 15 ottobre

comune-locri

comune-locri

Ancora 48 ore!!!

Manca veramente poco al consiglio comunale di lunedì pomeriggio ed i gruppi di minoranza, “Leali alla Città”, “Siamo Locri” e “Città in Comune”, preoccupati per quanto si sta verificando città sono pronti ad affrontare la grande “maratona” politica che, probabilmente, lascerà un segno indelebile nella storia politica amministrativa della città.

Intanto, non si può non condannare il comportamento del Presidente del Consiglio Comunale, Antonio Cavo, che, in assenza del “capo”, non ha inteso integrare formalmente l’ordine del giorno, per come richiesto dai consiglieri comunali di opposizione, al fine di discutere del parere dell’Autorità di Vigilanza che ha palesemente e sostanzialmente “bocciato” la procedura attuata dall’Amministrazione Comunale in relazione alla “selezione” dei legali dell’Ente.

A tal proposito, risulta ridicola e stravagante la ricostruzione ed interpretazione fornita alla stampa dall’Assessore al ramo, Nicola Monteleone, che mente sapendo di mentire.

 Alla luce di tutto ciò, non si può rimanere indifferenti a quanto si è verificato a Reggio Calabria, dove la “Commissione d’Accesso”, nelle conclusioni del proprio lavoro, afferma sostanzialmente, che pure il mancato controllo politico su atti amministrativi ha provocato la deriva dell’istituzione politica comunale con l’estrema conseguenza dello scioglimento del Consiglio: è evidente che anche per Locri la “strana e continua” copertura di numerosi atti illegittimi rischia, purtroppo, di portare la città nella medesima situazione del capoluogo.

Pertanto, proprio per la gravità degli accadimenti degli ultimi mesi, per la città di Locri si prospetta un autunno politicamente caldissimo con la maggioranza di centro sinistra e l’UdC che dovranno chiarire, in Consiglio Comunale, quali provvedimenti intendono adottare e quale futuro attende i cittadini locresi.

Infatti, la maratona politica consiliare inizierà alle ore 17.00 del prossimo lunedì, continuerà a distanza di qualche giorno con una seduta straordinaria di consiglio comunale sulle problematiche del personale – con l’intervento delle RSU e delle forze sindacali che vorranno intervenire – si passerà successivamente alla “convocazione” sul “conto consuntivo 2011” per arrivare, forse, entro il prossimo trentuno ottobre ad approvare, in “zona Cesarini”, il Bilancio di Previsione 2012, essendo il Comune di Locri l’unico in Italia a non avere ancora provveduto a licenziare il  Bilancio Preventivo, che dovrebbe essere lo strumento di programmazione finanziaria dell’anno in corso…ma ormai è evidente che l’anno volge al termine!!!!

            I gruppi di opposizione auspicano che il Presidente Cavo non cerchi, come spesso accaduto in passato, di impedire il democratico confronto sugli importanti argomenti la cui discussione è stata richiesta dai consiglieri comunale di minoranza considerata la negligenza delle forze di maggioranza che, ad oltre un mese dalla notifica della cosiddetta “Relazione Cervellini”, non ha inteso avviare un confronto, offrire i dovuti chiarimenti alla cittadinanza e, soprattutto, dire quali provvedimenti intende  attuare alla luce di quanto emerso dai risultati dell’ispezione amministrativa.

            Anche gli altri argomenti,  la Determinazione 250/2012 che approva un verbale di somma urgenza relativo alla sostituzione di un tubo, probabilmente d’oro, considerato che il costo dell’intervento è stato superiore ai 40 mila euro,  la liquidazione di una fattura alla “Geo Ambiente” per un importo di circa 50 mila euro senza il necessario ed obbligatorio DURC e la immotivata sospensione del Servizio Scuolabus, sono importanti e fondamentali per meglio comprendere l’”indirizzo” politico della Giunta Lombardo i cui assessori affermano spesso e con estrema tranquillità di disconoscere molti atti illegittimi in quanto non “di loro interesse perché meri atti di gestione”!!!

La Città di Locri non può continuare a subire tali mortificazioni o l’onta dello “scioglimento” per colpa un governo cittadino incapace ed arrogante che pensa di agire in spregio alla legge certo di alte e sinistre coperture che gli garantiscono la totale impunità.

Ed in tale confusione politica, il paese in totale stato di abbandono, strade buie ed  invase da rifiuti,  il Signor Sindaco Lombardo, ritiene più utile fare le valigie (tre!!!!) e recarsi a Roma per perdere tempo all’inutile, ridicolo ed ennesimo “tavolo romano”.

Ovviamente ancora una volta la trasferta del Sindaco è a totale carico dei cittadini di Locri!!

                                                                                                                                                    

                                                         Gruppi di Minoranza Città di Locri

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!