E’ nata “l’Area integrata dello Stretto”

E’ nata “l’Area integrata dello Stretto”

E’ nata “l’Area integrata dello Stretto”. Lo scopo è quello di permettere ai cittadini di muoversi con sempre più facilità tra le due sponde.

Area integrata dello Stretto

Il nuovo percorso è stato firmato presso il Palazzo d’Orléans di Palermo, alla presenza del Presidente della Regione siciliana Nello Musumeci; l’assessore alle infrastrutture della Regione Calabria, Roberto Musmanno; ed i sindaci delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria, Cateno De Luca e Giuseppe Falcomatà.

Lo scopo della costituzione della neonata “Area integrata dello Stretto”, è permettere ai cittadini di muoversi con sempre più facilità tra le due sponde, sfruttando al meglio il triangolo geografico Reggio Calabria – Villa San Giovanni – Messina. Così da rendere stabile, lineare e soprattutto semplice ogni tipo di spostamento.

La continuità fra le due sponde dello Stretto, Reggio Calabria e Villa San Giovanni da una parte e Messina dall’altra avverrà sia attraverso servizi di trasporto marittimo veloce; sia attraverso i servizi aerei di linea effettuati tra l’aeroporto dello Stretto e i principali scali nazionali.

Comitato di indirizzo e coordinamento

L’intesa prevede che sia istituito un Comitato di indirizzo e coordinamento composto da sei membri.

Ne faranno parte gli assessori regionali competenti per materia; i sindaci metropolitani; ed anche i componenti dell’ufficio di presidenza della Conferenza permanente interregionale.

“E’ un momento storico, una rivoluzione istituzionale che consente di superare le difficoltà che fino ad oggi si erano avute su problemi della mobilità nell’area dello Stretto”. Ha dichiarato il sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà; accompagnato nello storico appuntamento dall’assessore alla mobilità del Comune di Reggio Calabria, Giuseppe Marino; e dal Capo di Gabinetto della città metropolitana Francesco Dattola.

Le parole di Falcomatà

“I nostri territori – afferma – sono uniti da millenni di storia, anche da tragedie immani come il terremoto del 1908. E devono trarre la loro forza da politiche unitarie e condivise di sviluppo economico culturale e sociale.

Questa storia comune trova nuovo slancio grazie ad una vera e propria “rivoluzione istituzionale” che cancella i vincoli fino a oggi esistenti tra regioni diverse che consente di creare nuove opportunità di sviluppo.

Per anni ci siamo sentiti dire “questo non si può fare perché la Calabria e la Sicilia sono due regioni diverse”. Oggi, invece, le città metropolitane di Reggio Calabria e Messina potranno “conurbare” in modo concreto l’area dello stretto attraverso comuni politiche sulla mobilità”.

“Penso, ad esempio, ad un unico biglietto integrato che consenta a cittadini e turisti di viaggiare tra le due sponde dello Stretto a prezzi accessibili ed ad orari coordinati di treni ed aerei. Ma credo che l’accordo favorisca politiche comuni su molteplici fattori”.

Area Integrata dello Stretto – Conclusioni di Falcomatà

“Pensate – aggiunge – ad un’unica stagione teatrale tra Reggio e Messina; eventi internazionali comuni in ambito culturale e sportivo; sinergie su iniziative che possano portare il nostro territorio in alto con una parola semplice ma efficace: “insieme”.
Siamo orgogliosi perché rappresentiamo le prime città metropolitane della storia d’Italia a mettere in atto politiche comuni di sviluppo del territorio.

La sinergia ci offre due spunti di riflessione: il Mezzogiorno non è il “figlio povero d’Italia”; oggi, infatti, si può guardare alle istituzioni del sud come esempio da seguire ed imitare; possiamo affermare a gran voce, infatti, che questa è la più bella risposta a chi parla di regionalismo differenziato, in un momento in cui il governo vuole dividere e separare; le città metropolitane di Reggio Calabria e Messina si uniscono per avere maggiore forza e autorevolezza nello scenario nazionale”.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!