Antonino Moscato (PA.C.E.): “Chiediamo ai sindaci della provincia tavolo tecnico per Città Metropolitana”

PA.CE.

Questo post é stato letto 19170 volte!

PA.CE.
PA.CE.

Assistiamo giornalmente ad uno stillicidio di notizie, purtroppo quasi mai positive, che riguardano la nostra economia, con l’ulteriore declassamento per il nostro Paese nonostante gli sforzi cui tutti noi cittadini siamo stati chiamati; di contro ricomincia lo sterile dibattito sui candidati premier e sulle primarie.

In città continua il botta e risposta tra le parti, capace di sollevare solo polveroni che rendono ancor più distante la politica dal cittadino: sul deficit di bilancio, sulla Commissione d’accesso, sulla gestione ordinaria, sulla programmazione, su quella straordinaria.

Nel frattempo l’economia reale, quella dei piccoli imprenditori, quella che contribuisce al 70% del reddito in Italia, è in ginocchio, soprattutto al Sud, e in particolar modo nella nostra provincia che soffre di carenze endemiche che ne hanno da sempre pregiudicato lo sviluppo.

Ed intanto il dibattito politico cittadino, da tempo passato sul piano dello scontro, non riesce a dare concretezza al tema che pure costituisce l’unico possibile futuro per la nostra comunità, quello della Città Metropolitana.

Per questo, perché non si trascini questa estate reggina tra timori e speranze disattese, con un cocente rimando a settembre, noi di PA.C.E. (Patto Cristiano Esteso) chiediamo soprattutto ai sindaci della provincia, i veri attori di questo rinnovamento epocale da un punto di vista amministrativo, di creare un Tavolo tecnico/politico, per dar vita a quel processo costituente che deve passare attraverso la redazione di uno Statuto e di un Regolamento che saranno il motore della Città Metropolitana, regolandone rapporti e competenze.

Non c’è più tempo da perdere, non si può rimandare oltre, bisogna dare sostanza oggi al futuro della nostra terra.

Il presidente di PA.C.E., il dott. Antonino Moscato

Questo post é stato letto 19170 volte!

Author: Cristina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *