Michelangelo Tripodi replica ai consiglieri regionali del Pdl

Michelangelo Tripodi replica ai consiglieri regionali del Pdl

michelangelo tripodi

E’ davvero sconcertante il comunicato dei consiglieri regionali del Pdl  Fausto Orsomarso, Giuseppe Caputo, Salvatore Magarò, Alfonsino Grillo e Mario Magno.
Costoro appartengono alla schiera eletta dei garantisti di ferro per Dell’Utri, pur dopo la condanna in appello, e portano già in catene in carcere il prof.  Fera, allo stato indagato.
Né, peraltro , di questo s’accontentano.

Come si suol dire, l’occasione fa l’uomo fa ladro, e i cinque bellicosi consiglieri regionali  cercano di trascinare nella vicenda anche me, affermando che il prof. Fera è stato “ mio consulente personale in qualità di Assessore all’Urbanistica”.  Cioè il falso, poiché questo non è mai avvenuto. E se questo fosse stato?

La verità è semplicemente questa. Il prof. Fera, docente ordinario di pianificazione urbanistica e territoriale, è stato nominato nel 2005, ripeto nel 2005, cioè cinque anni fa, insieme ad altri esperti nel gruppo tecnico di lavoro per l’elaborazione del QTR.
Il suo incarico è stato limitato a questa specifica attività e la sua nomina quale componente del gruppo tecnico di lavoro è avvenuta proprio in quanto docente di pianificazione urbanistica e territoriale dell’Università di Mediterranea di Reggio Calabria.
Ma per i cinque garantisti di Dell’Utri  tale nomina costituisce un “fatto preoccupante”. Dovrebbero spiegare perché. Forse perché in suo luogo la Giunta, su mia proposta, avrebbe dovuto nominare il loro autista o galoppino personale? Insomma, come avviene quando si tratta di polveroni scatenati ad uso esclusivamente propagandistico e mediatico, costoro non ci dicono nè dove sta la colpa e neppure qual è  l’errore.

Ma proseguiamo. Non mi pare che nel 2005 il prof. Fera  risultasse indagato o che accogliesse, tirandola dalla casa, qualche nipote di Mubarak, come fa il loro capo supremo, da costoro difeso nelle porcherie private e nelle porcherie pubbliche.
Pertanto, quella dei cinque consiglieri del centrodestra, rappresenta solo una grave, indegna, ingiustificata ed offensiva azione diffamatoria e calunniosa nel tentativo di infangare la mia credibilità e la mia immagine limpida, costruite in tanti anni di battaglie e di coerente impegno politico.
Tutto quello che ho fatto, l’ho fatto nella massima trasparenza ed alla luce del sole, com’è nel mio costume.

Non ho mai pranzato con un boss come invece ha fatto il loro presidente Scopelliti, né ho chiesto voti ai mafiosi, né ho mai avuto frequentazioni con tali personaggi, anzi ho sempre combattuto a viso aperto ed in tutti i modi con la mia azione politica ed amministrativa per affermare regole, trasparenza e legalità contro la prepotenza delle organizzazioni criminali e mafiose.
L’impegno svolto e le scelte compiute proprio nella qualità di Assessore Regionale all’Urbanistica e gli strumenti che abbiamo prodotto a partire dal Quadro Territoriale Regionale Paesaggistico dimostrano concretamente il valore di questa scelta di rottura e di alternativa.

Tutti sanno che negli anni passati alla Regione Calabria ho combattuto una formidabile battaglia per affermare principi di legalità e trasparenza nel campo dell’Urbanistica e per colpire gli enormi interessi degli affaristi e dei mafiosi che in questo settore sono sempre in agguato, pagando anche prezzi personali.
Per questo non accetto lezioni di etica e di moralità e non permetto a nessuno di infangare la mia immagine e credibilità.

Non è sufficiente, quindi, che, a coperchio della loro infamante offensiva nei miei confronti, mettendo le mani avanti,  dichiarino di non voler fare sciacallaggio.
Purtroppo, i peggiori sciacalli son quelli che non hanno la consapevolezza d’esserlo, e che vogliono cadaveri per il gusto di scempiarli. Tale è la situazione in una fase grave dell’Italia e della Calabria in cui, per come diceva un vecchio giornalista, c’è da aspettarsi di tutto. Perfino che i ladri ci denuncino per furto.

MICHELANGELO TRIPODI
ex Assessore Regionale all’Urbanistica

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!