Giornalista in Calabria? Rischio di morte

Questo post é stato letto 22720 volte!

Fare giornalismo in Calabria é ormai diventata una questione di “martiri”. Infatti, poche ore fa si é registrato l’ennesimo eposodio negativo nei confronti di un collega che come tanti giornalmente lottano tra mille difficoltà per cercare di riprodurre con sincerità e dovizia di particolari la realtà calabrese. Sembra ormai che scrivere di cronaca rappresenti una missione proibitiva in quanto la ‘ndrangheta impone il silenzio e non riesce a digerire le parole scritte sulla verità che attanaglia questo lembo di terra che si sveglia soltanto quando si verificano dei gesti così eclatanti che fanno riflettere.

Infatti, a poche ore dalle minaccie via telefono fatte recapitare a Pietro Comito, giornalista di Calabria Ora, un altro professionista della stessa testata giornalistica, Guido Scarpino, é rimasto vittima di  pesanti minacce da parte di una persona che, giunta in moto, ha suonato al campanello della sua abitazione pronunciando la frase ‘‘Finitela di scrivere queste cose senno’ v’ammazzamo”.

Il giornalista, che dirige l’ufficio di corrispondenza della testata di Paola sul Tirreno cosentino, si occupa anche di cronaca e nei giorni scorsi ha seguito la vicenda del gruppo di giovani che ha picchiato un venditore ambulante e la sua famiglia dopo che si era lamentato degli schiamazzi notturni.

Scarpino ha identificato il suo aggressore e denunciato l’episodio ai carabinieri.

Questo post é stato letto 22720 volte!

Author: Francesco Iriti

Storico Direttore di www.ntacalabria.it, ed ideatore insieme a Nino Pansera della testata ntacalabria.it, é giornalista pubblicista dal 2008. Laureato in Scienze della comunicazione, ha di recente pubblicato il libro " E' un mondo difficile". Ecco il link per acquistarlo http://amzn.to/2lohl4U. Lavora come Digital Marketing Manager in Irlanda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *