Crotone, la CdD Giovani sulle tariffe aeree praticate da Alitalia

MANCUSO luca Vincenzo

Questo post é stato letto 28890 volte!

MANCUSO luca Vincenzo
MANCUSO luca Vincenzo

Ieri in una riunione della “Compagnia dei Democratici Giovani” tenuta dal Coordinatore  Provinciale Mancuso Luca insieme ad alcuni membri del direttivo provinciale Modesto Silvia, Russo Vincenzo, Maneli Gianpiero, Corigliano Domenico, Giovanni Marinelli, si è deciso di perorare con forza, e decisione, la questione aperta pochi giorni fa dal Segretario Generale di Confartigianato Crotone Salvatore Lucà, in merito alla questione tariffe dei biglietti aerei praticate da Alitalia sulle tratte Crotone-Roma e Crotone Milano.

Lamentiamo un silenzio surreale e paradossale da parte delle istituzioni politiche locali su questa questione sulla quale riceviamo molte segnalazioni, soprattutto per la netta differenza delle tariffe applicate in paragone al vicino aeroporto di Lamezia Terme es: (due persone A/R per Roma prenotato per l’11 settembre 2011 quindi quattro biglietti costo da Lamezia totale 166,00 da Crotone stessa combinazione costo totale 492,00) .

Un atto sleale questo che serve soprattutto a penalizzare tutto quell’indotto di imprenditori turistici che si vedono diminuire il flusso di persone che arrivano nel nostro territorio, soprattutto in questo periodo estivo in una zona come la nostra già martoriata da altre mille problematiche altrettanto degradanti che del turismo dovrebbe fare una industria produttiva dodici mesi all’anno, viene ancora più duramente colpita.

Dove è la politica locale che dovrebbe combattere con tutta la forza questo ennesimo scempio  che alimenta il nostro isolamento. Per non parlare della Regione che  proclama prima il progetto della metropolitana leggera Crotone-Sibari che collegherebbe i due poli in quaranta minuti e poi parla di investimenti per l’aeroporto di Sibari , creando di fatto ulteriore  confusione. Alitalia è stata salvata a suo tempo dal fallimento anche dai contribuenti del comprensorio Crotonese.

Il risultato finale di queste politiche sarà solo quello di vedere tutte le aziende sia turistiche e che vivono di indotto sempre più in difficoltà con le relative conseguenze di aumento del tasso di disoccupazione. E’ ora di smetterla, noi non vogliamo essere più umiliati e non vogliamo vanificare tutti i sacrifici fatti fino ad oggi per mantenere questa struttura aperta, ma soprattutto non vogliamo perdere gli importanti investimenti sul nostro complesso aeroportuale se questa azienda continua a trattare così il “crotonese”.

Chiediamo che i prezzi di Crotone vengano immediatamente allineati a quelli di Lamezia Terme, e speriamo che sempre  più persone  appoggino la nostra iniziativa, in un contesto socio economico che non trova definizioni per lo stato in cui versa, non è ammissibile accettare questi ulteriori colpi che vogliono isolarci dal resto della Regione. Ora è arrivato il tempo di fare.

Questo post é stato letto 28890 volte!

Author: Maria Cristina Condello

Maria Cristina Condello ha conseguito la laurea Magistrale in "Informazione, Editoria e Giornalismo" presso L'Università degli Studi Roma Tre. Nel 2015 ha conseguito il Master di Secondo Livello in "Sviluppo Applicazioni Web, Mobile e Social Media". Dal 2016 è Direttore Responsabile della testata giornalistica ntacalabria.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *