Sanità, 16 sindaci si dimettono a difesa dell’ospedale di Trebisacce

Sanità, 16 sindaci si dimettono a difesa dell’ospedale di Trebisacce

sanita

Sedici sindaci dell’Alto Ionio Cosentino hanno annunciato le proprie dimissioni in segno di protesta contro l’ipotesi di chiusura dell’ospedale di Trebisacce. Lo rende noto, in un comunicato, il Coordinamento delle Associazioni a difesa del presidio ospedaliero “Guido Chidichimo”.

Da una settimana, a Trebisacce, è in atto un blocco della strada statale 106 per protestare contro i contenuti del piano di rientro del debito sanitario della Regione. Il sindaco di Trebisacce, Mariano Bianchi, è scritto nella nota, nel corso di un’assemblea pubblica, “ha dichiarato di aver rassegnato le dimissioni al Consiglio comunale e formalizzerà tale volontà attraverso una conferenza stampa”.

“Il territorio dell’arco ionico – prosegue la nota – è sempre più emarginato e abbandonato dalle istituzioni e dai mezzi di comunicazione, tutti gli sforzi che una massa enorme del popolo sta esprimendo in difesa dell’Ospedale di Trebisacce attraverso una protesta civile, si spera, si sposterà sul tavolo politico istituzionale. L’intero arco ionico non allenta la protesta e sta valutando assieme alle Associazioni e alle organizzazioni sindacali l’opportunità di indire uno sciopero generale comprensoriale da proclamare a breve”.

I sindaci dei Comuni che hanno annunciato le dimissioni, oltre a Trebisacce, sono quelli di Rocca Imperiale, Montegiordano, Roseto Capo Spulico, Amendolara, Villapiana, Francavilla Marittima, Canna, Castroregio, Alessandria del Carretto, Cerchiara di Calabria, San Lorenzo Bellizzi, Nocara, Albidonia, Plataci e Oriolo.

Francesco Iriti

Storico Direttore di www.ntacalabria.it, é giornalista pubblicista dal 2008. Laureato in Scienze della comunicazione, ha di recente pubblicato il libro " E' un mondo difficile". Ecco il link per acquistarlo http://amzn.to/2lohl4U. Lavora come Digital Content Marketing in Irlanda.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!