I fichi cosentini trionfano sulla guida “Gambero Rosso”

I fichi cosentini trionfano sulla guida “Gambero Rosso”

I fichi cosentini trionfano sulla guida “Gambero Rosso”: su 7 aziende totali consigliate, 5 sono cosentine.  La lavorazione dei fichi essiccati al sole è una tradizione che si porta avanti dal cinquecento.

I fichi cosentini

I fichi secchi non mancano mai sulle tavole dei calabresi. Nel territorio cosentino la lavorazione dei fichi è ormai una tradizione che si porta avanti dal cinquecento. Le tipiche “crucette”, quattro fichi aperti e riassemblati a croce con la farcitura di noci, sono tra i prodotti più apprezzati della Provincia ma anche dell’intera Regione.

La guida “Gambero Rosso” non si è lasciata scappare una prelibatezza simile. Su 7 aziende consigliate dalla rinomata guida, 5 sono cosentine: Colavolpe di Belmonte Calabro; La Cosentina di Montalto Uffugo; Dolcezze Mediterranee – Nonna Amelia di Marano Principato; Garritano di Montalto Uffugo e infine, Rango Bontà di Calabria di Cassano allo Ionio.

Il prodotto

La denominazione di “Fichi di Cosenza”, designa i frutti essiccati del “Ficus carica sativa” appartenenti alla varietà “Dottato”. La polpa è ambrata, mediamente soda e leggermente aromatica. Il succo è invece poco denso, ma al momento della maturazione, fuoriesce talvolta dall’ostiolo, a goccia.

I “Fichi di Cosenza” si producono in un’area che occupa circa un terzo della Provincia, dal versante meridionale del Massiccio del Pollino fino a Sud dalla Sila, dal fiume Nicà al fiume Savuto, fino ad un’ altitudine di 800 metri. La maggiore concentrazione è soprattutto nella Valle del Crati.

Nel giugno del 2011 il prodotto ha inoltre ottenuto il marchio di qualità Dop dall’Unione Europea.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!