“Salviamo l’Ospedale Pugliese”: allarmante silenzio di Scura

“Salviamo l’Ospedale Pugliese”: allarmante silenzio di Scura

eadv

Riceviamo e Pubblichiamo:

Dal Presidente Comitato “Salviamo l’Ospedale Pugliese”

Avv. Francesco Pitaro

“Non può che essere accolto favorevolmente, da parte nostra, il tempestivo riscontro positivo, da parte del Presidente del Consiglio Comunale, Ivan Cardamone, alla nostra istanza, regolarmente notificata, di convocazione del Consiglio Comunale in merito all’annunciata soppressione dell’Ospedale Pugliese.

Il Consiglio Comunale, che ci auguriamo venga rapidamente convocato, potrà, pertanto, esprimersi sull’annunciata soppressione e i cittadini di Catanzaro potranno conoscere la posizione del proprio organo politico assembleare e il detto atto deliberativo portà, pertanto, essere trasmesso al tavolo che Scura sta periodicamente convocando. Non può, invece, che riscontrare tutto il nostro sfavore il silenzio che sta serbando il Commissario Scura in merito alle nostre istanze. Ed invero, a Scura, il Comitato “Salviamo l’Ospedale Pugliese” ha notificato sia un’istanza, con cui ha chiesto di essere convocato al cosiddetto tavolo paritetico, sia una richiesta, ai sensi della L. 241/90, di avere copia di carte ed atti e provvedimenti, anche endoprocedimentali, che il detto tavolo ha finora adottato.

Il Comitato costituisce ente, giuridicamente riconosciuto, formato da numerose associazioni e da comuni cittadini, portatore di interessi diffusi e collettivi che ha raggiunto, ad oggi, 6000 adesioni. Scura, ad oggi, gestisce la sanità ragionale che costituisce una branca prevalente delle competenze regionali e che sottosta ai principi di partecipazione e trasparenza. Ad oggi, tuttavia, né ha riscontrato le nostre richieste né ha convocato il Comitato al tavolo paritetico né ha consegnato allo stesso le copie degli atti adottati. Tutto ciò non è tollerabile. Scura, infatti, deve consegnare le carte a chi, come il Comitato, ha un interesse diretto e reale ed attuale ad avere le richieste carte, ed, inoltre, deve convocare, anche ai sensi del d.lgs.502/92, il Comitato al tavolo paritetico al fine di permettere la partecipazione dello stesso all’avviato procedimento amministrativo.

Il procedimento amministrativo avviato, attraverso cui, di fatto, l’Ospedale Pugliese verrà espropriato, è procedimento pubblico il cui andamento e i cui atti devono essere conosciuti dalla comunità involgendo il diritto all’assistenza sanitaria e alla salute. Sia ben chiaro, pertanto, che, ove mai Scura dovesse negare i diritti delComitato, sia in ordine alla partecipazione al tavolo paritetico che in ordine all’acquisizione delle carte, il Comitato “Salviamo l’Ospedale Pugliese” non esiterà, trascorsi i termini di legge, a rivolgersi alla Magistratura al fine di tutelare il proprio ruolo giuridico/rappresentativo nonché al fine di permettere alla comunità, che è stata lasciata all’oscuro, di avere contezza di tutti gli atti adottati nonché del procedimento amministrativo diretto a sradicare l’Ospedale Pugliese dal cuore di Catanzaro e a trasferirlo in altra e diversa zona di Catanzaro. Intanto, il Comitato “Salviamo l’Ospedale Pugliese” dopo il banchetto allocato, Domenica 8 Novembre, al Parco della Biodiversità, ha raggiunto 6000 adesioni.”

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!