Città del Vaticano, l’orafo calabrese a tu per tu con il Papa

Papa Francesco Michele Affidato

Questo post é stato letto 11780 volte!

 

“𝐄̀ 𝐬𝐭𝐚𝐭𝐨 𝐮𝐧 𝐦𝐨𝐦𝐞𝐧𝐭𝐨 𝐝𝐢 𝐠𝐫𝐚𝐳𝐢𝐚 𝐞 𝐝𝐢 𝐠𝐢𝐨𝐢𝐚 𝐢𝐧𝐜𝐨𝐧𝐭𝐫𝐚𝐫𝐞 𝐏𝐚𝐩𝐚 𝐅𝐫𝐚𝐧𝐜𝐞𝐬𝐜𝐨 𝐢𝐧 𝐨𝐜𝐜𝐚𝐬𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐝𝐞𝐥 “𝐂𝐨𝐧𝐜𝐞𝐫𝐭𝐨 𝐜𝐨𝐧 𝐢 𝐩𝐨𝐯𝐞𝐫𝐢” 𝐢𝐧𝐬𝐢𝐞𝐦𝐞 𝐚𝐥 𝐌° 𝐌𝐨𝐧𝐬. 𝐌𝐚𝐫𝐜𝐨 𝐅𝐫𝐢𝐬𝐢𝐧𝐚 𝐞 𝐚 𝐭𝐮𝐭𝐭𝐢 𝐢 𝐬𝐨𝐬𝐭𝐞𝐧𝐢𝐭𝐨𝐫𝐢 𝐝𝐞𝐥𝐥’𝐞𝐯𝐞𝐧𝐭𝐨” ha commentato sui social il maestro orafo calabrese Michele Affidato.

C’è del magico nelle creazioni del Maestro orafo Michele Affidato; una magia che varca le barriere del tempo e della creatività e che si colloca tra le cose che danno maggiore grandezza alla nostra terra. È come se l’arte di questo figlio diletto di Calabria s’imbevesse nello scrigno di un passato storico, all’interno di un meccanismo quasi surreale verrebbe da dire; un meccanismo dove estro e forme assumono una particolare identità territoriale, affinché si sappia che arte, cultura e novità perdurano nel tempo qui in Calabria.

Alcune tra le creazioni del maestro Affidato

Alcune tra le creazioni del maestro Affidato
Alcune tra le creazioni del maestro Affidato

Affidato è senza dubbio uno degli orafi più quotati del mondo: ha realizzato gioielli per personalità come il Nobel Rita Levi Montalcini, il Nobel Lech Walesa, il Principe Alberto di Monaco, l’attuale Presidente della Repubblica italiana Mattarella. È anche autore dei premi di varie rassegne cinematografiche: Nastri d’Argento Grandi Serie Televisive, Taormina Film Fest, Marateale – Premio Internazionale Basilicata, Woman in Cinema Awand nell’ambito del Festival del Cinema di Venezia e della Festa del Cinema di Roma, Terre di Siena Film Festival. Con le sue opere sono stati premiati: Sophia Loren, Oliver Stone, Richard Gere, Francis Ford Coppola, Nicole Kidman, Willem Dafoe, Christopher Lambert, kabir Bedi.

Di notevole importanza anche i premi speciali che dal 2010 realizza per il Festival di Sanremo; e i premi del concorso di Poesia “Alda Merini” ideato da un altro magnate della cultura calabrese: lo scrittore e poeta, nonché Presidente della Accademia dei Bronzi, Vincenzo Ursini.

Ebbene, il Concerto con i poveri, eseguito dall’Orchestra e il Coro del Teatro dell’Opera di Roma, si è tenuto all’interno dell’Aula Paolo VI, in Vaticano, e ha ricevuto la benedizione di Papa Francesco. In 3000 (tra i senza fissa dimora, i migranti e coloro che vivono situazioni di disagio) hanno partecipato all’evento. È stato alla fine dell’incontro che il Maestro Affidato, insieme al figlio Antonio hanno consegnato al Santo Padre un bassorilievo in argento raffigurante la celebre “Resurrezione” di Pericle Fazzini. Altrettante opere sono state realizzate per la Direttrice d’Orchestra Speranza Scappucci, per il M° Mons. Marco Frisina, per il M° Ciro Visco, per il soprano Maria Grazia Schiavo, il tenore Levy Segkapane e l’Orchestra e il Coro del Teatro dell’opera di Roma.

 Speranza Scappucci

Questo post é stato letto 11780 volte!

Author: Redazione_Cultura