Confartigianato Calabria , elevata disoccupazione al Sud

Confartigianato Calabria , elevata disoccupazione al Sud

Alla luce dei  dati pubblicati a iosa negli ultimi tempi  da molti enti, dallo Svimez,  alla Banca d’Italia e ai tantissimi centro studi associativi  si evince chiaramente che la disoccupazione al Sud  è diventata non più sostenibile, ma la cosa che  meraviglia è lo scarso impegno che i nostri rappresentanti istituzionali dedicano concretamente a questo dramma del lavoro che non c’è.

Dai dati in nostro possesso  emerge che il tasso di disoccupazione ha raggiunto in Calabria percentuali a due cifre da capogiro, per i giovani fino a 29 anni registriamo una disoccupazione quasi totale, eccetto  per quei giovani  che abbandonano la nostra Regione.

Anche nell’ambito del lavoro autonomo che nasce tra i giovani, constatiamo che quasi totalmente sono quei  disoccupati che non intendono  abbandonare la propria terra e presi da una certa disperazione si cimentano a fare impresa senza alcuna convinzione ed entusiasmo, per cui  tantissime volte i risultati sono negativi proprio per questa improvvisazione forzata.

 

Con tali evidenze,  pochissimi   parlano concretamente  di soluzioni e proposte  per combattere questa problematica. Le energie e le decisioni dei nostri governanti sembrano piuttosto indirizzate a  situazioni che, preso atto dei risultati,  certo non stanno portando benefici  ai tantissimi nostri corregionali.

 

Una situazione insostenibile quindi, a cui bisogna urgentemente porre rimedio senza più alcuna esitazione. Non è possibile che tutti i nostri giovani devono emigrare alla ricerca di una vita dignitosa.  Eppure le opportunità specialmente nella nostra Regione non mancherebbero, però continuiamo ad essere sempre indicati inesorabilmente  come gli ultimi della classe.

 

Se diamo per esempio  uno sguardo agli enti locali ed in particolare a tutte quelle comunità che usufruiscono di  imposte locali  e royaltes di varie tipo come  per esempio  l’estrazione del metano, in primis il Comune di Crotone, la prima evidenza che emerge è uno scarso (forse nullo) utilizzo di dette risorse per incentivare l’occupazione, né tantomeno aiutare le PMI che sono considerate solo come bancomat per far pagare imposte e tasse locali.

 

Alla stessa stregua e con altre risorse, sicuramente ancora molto più importanti, i nostri rappresentanti regionali, nazionali ed europei, potrebbero far divenire i nostri territori luoghi di vera e concreta occupazione mediante una opportuna attività di riprogrammazione delle risorse comunitarie, invece tutto procede silenziosamente causando la chiusura di tantissime PMI e alimentando in modo esponenziale la disoccupazione.

 

Il momento storico che stiamo attraversando impone scelte serie e coraggiose. I nostri disoccupati non possono più aspettare.

 

Un credito di imposta stimolerebbe seriamente le assunzioni e favorirebbe un piano del lavoro serio e fuori dai meccanismi clientelari. Altresì, un adeguato supporto del mondo bancario (che al momento manca) e delle stesse risorse europee  permetterebbero alle nostre imprese l’avvio di un ciclo virtuoso caratterizzato da investimenti, sviluppo e di conseguenza lavoro.

 

Alla luce di quanto esposto, auspichiamo che il neo Governatore della Calabria, Mario Oliverio,  si attivi in questo senso con la concretezza che indubbiamente gli riconosciamo, in caso contrario siamo veramente preoccupati per una situazione socio economica che potrebbe veramente degenerare in modo irreversibile.

Category Attualità

francesca

autore e collaboratore di ntacalabria.it

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!